Domenica, 15 Dicembre 2019

Back ECONOMIA Categorie Alimentari FILIERA ALIMENTARE: DALL'EUROPA NUOVE MISURE PER AUMENTARE LA TRASPARENZA E RIDURRE LE SPECULAZIONI

FILIERA ALIMENTARE: DALL'EUROPA NUOVE MISURE PER AUMENTARE LA TRASPARENZA E RIDURRE LE SPECULAZIONI


parleuropefilalime0909.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Buone notizie in arrivo dall'Europa per i consumatori. Il Parlamento Europeo, infatti, ha approvato nei giorni scorsi la : “Relazione sulle Entrate Eque per gli Agricoltori: migliore funzionamento della filiera alimentare”, che si pone l'obiettivo di introdurre nuove misure per contrastare le pratiche commerciali scorrette nella filiera alimentare e di aumentare la trasparenza nei prezzi al dettaglio. Secondo il parlamento europeo, nonostante le differenze tra i vari Paesi, il settore agricolo presenta delle distorsioni del mercato comuni, quali appunto la mancanza di trasparenza lungo la filiera, la presenza di clausole vessatorie nei contratti degli agricoltori ed in generale, comportamenti oligopolistici da parte dei pochi attori che controllano il mercato e determinano i prezzi. Problemi che si riscontrano anche in Italia, dove secondo la Coldiretti, per ogni euro speso dai consumatori in alimenti, il 60% del valore viene assorbito dalla grande distribuzione commerciale, il 23% dall'industria alimentare e il rimanente 17% dagli agricoltori. In altri Paesi europei, secondo la relazione, è l'industria di trasformazione alimentare ad avere il margine di profitto più elevato della filiera. Per questo motivo il Parlamento Europeo chiede ai maggiori commercianti, trasformatori e distributori di presentare annualmente una relazione sulle loro quote di mercato, con i dati sull’evoluzione dei volumi di vendita mensili, in modo da poter valutare le tendenze dell'evoluzione della domanda e dell'offerta e i prezzi nella filiera.
Una seconda proposta della relazione è l'invito alla Commissione a far partire il progetto pilota sull'osservatorio europeo dei prezzi e margini agricoli per il quale il Parlamento Europeo ha già disposto uno stanziamento di 1,5 milioni di euro. Contestualmente è stata avviata la richiesta affinché venga migliorato lo strumento europeo di sorveglianza dei prezzi dei prodotti alimentari, per renderlo più facile da utilizzare e per includere un maggior numero di prodotti e una migliore comparabilità tra i prezzi.

 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Il Parlamento Europeo inoltre ha esortato la Commissione a mantenere il Gruppo di Alto Livello sulla Filiera Alimentare, in quanto,  si è dimostrato uno strumento capace di individuare i problemi del settore e di elaborare le strategie per correggere gli squilibri attuali.
Tre le proposte molto interessanti del Parlamento Europeo vi è inoltre la richiesta di lanciare una campagna di sensibilizzazione contro gli sprechi del Cibo, che nella maggior parte degli Stati Membri raggiungono il 30% dei generi alimentari prodotti. A tal proposito abbiamo parlato proprio recentemente della campagna “Un anno contro lo spreco”, finalizzata alla riduzione degli sprechi di cibo. Per rendere l'idea della portata del fenomeno, ricordiamo che, secondo i dati di Last Minute Market, in Italia ogni anno si spreca una quantità di cibo pari ai consumi di un Paese come la Spagna.
Infine un punto centrale della relazione è l'invito alla Commissione a promuovere e sostenere le filiere alimentari gestite dagli agricoltori, e di mercati gestiti dagli agricoltori (Farmers Markets), al fine di garantire agli agricoltori una parte più equa del valore di prodotti e di garantire ai consumatori un minor prezzo al dettaglio (-30%).

[Via: ColdirettiColdiretti ]

v

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente NatalieMaynorNatalieMaynor di flickr per l'immagine



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed