Venerdi, 24 Gennaio 2020

Back ECONOMIA Categorie Case ed Immobili NIENTE PIÙ AFFITTI PER GLI IMMOBILI FANTASMA, SCATTA L'OBBLIGO DI INDICAZIONE DEI DATI CATASTALI

NIENTE PIÙ AFFITTI PER GLI IMMOBILI FANTASMA, SCATTA L'OBBLIGO DI INDICAZIONE DEI DATI CATASTALI


affittimodelli69cdc.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Niente più Affitti per gli Immobili Fantasma, Scatta l'Obbligo di Indicazione dei Dati Catastali | Modelli 69 e CDC | Imposta di Registro |

Dal 1° Luglio è diventata obbligatoria l'indicazione dei dati catastali degli immobili nella richiesta di registrazione dei contratti di affitto e comodato di beni immobili. Questo nuova modalità è stata introdotta dalla Manovra Economica (articolo 19, commi 15 e 16) per porre fine alla possibilità di affittare i cosiddetti immobili fantasma, ovvero quelle case che non risultano negli archivi catastali. L'idea di base è quella di porre sia l'inquilino che il proprietario nella condizione ideale per cui stipulare contratti regolari. L'inquilino, infatti, preferirà le offerte che possono essere registrate di modo da aver accesso alle detrazioni fiscali per gli affitti, mentre i proprietari dovranno adeguarsi necessariamente per poter proporre un immobile registrabile. Questo meccanismo dovrebbe portare la domanda verso gli immobili regolari e quindi molti proprietari a regolarizzare i propri immobili.
Le nuove regole valgono per i contratti di nuova registrazione, per i quali è previsto l'utilizzo del Modello 69, che presenta un apposito quadro (D) in cui andranno inseriti i “Dati degli Immobili” che si andrà a registrare.
Per i contratti di affitto in corso, invece, è previsto che in caso di modifica (esempio cessione, risoluzione e proroga di contratti di locazione già registrati) debba essere presentato un apposito Modello denominato CDC, per la comunicazione dei dati catastali relativi all'immobile. Questo Modello CDC deve essere presentato entro 20 giorni dalla data del versamento dell'imposta di registro.  Le sanzioni per l'omessa registrazione sono ridotte in caso di ravvedimento operoso al 10% dell'imposta dovuta, se l'omessa registrazione avviene entro 90 giorni dalla scadenza, e al 12% se avviene entro un anno.
In caso di mancata o errata indicazione dei dati catastali nelle richieste di registrazione sono previste sanzioni da un minimo del 120% ad un massimo del 240% dell'imposta di registro dovuta.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI


Restano invariate le altre sanzioni previste, ovvero dal 100% al 200% dell'imposta dovuta per insufficiente dichiarazione di valore, oppure del 400% in caso di occultamento del corrispettivo.
Con il provvedimento direttorialeprovvedimento
direttoriale (
Prot. 2010/111404) del 23 luglio, l'Agenzia delle Entrate ha approvato le nuove specifiche tecniche che consentono una gestione globale degli adempimenti di legge e sostituiscono le precedenti del 25 giugno scorso. Le procedure tecnico-informatiche approvate riguardano la registrazione telematica dei contratti di affitto, tramite il “modello 69” e il pagamento delle relative imposte. Per quanto riguarda il modello CDC, l'Agenzia fa sapere che fino al 10 di agosto continuerà la fase transitoria per cui i contribuenti che cedono, prorogano o recedono da un contratto dovranno presentare il modello in forma cartacea agli uffici dell'Agenzia delle Entrate. Successivamente sarà possibile l'invio telematico anche del modello CDC.

   


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente Damon DuncanDamon
Duncan di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Mutui

mutui

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed