Mercoledi, 20 Giugno 2018

Back Consumatori Costo Dentista: con la Crisi Boom Delle Offerte Low Cost

Costo Dentista: con la Crisi Boom Delle Offerte Low Cost


dentista, offerte low cost

In tempi di crisi non tutti possono permettersi carie: figuriamoci apparecchi o protesi dentarie! La salute smette di essere una priorità, almeno secondo quanto emerge nell’indagine commissionata dall’Osservatorio sanità di UniSalute: il costo del dentista è infatti uno dei primi che gli italiani tagliano.
Non è più tanto la paura che prende all’idea di vedere il trapano che si avvicina alla bocca a spingere sempre più persone a tollerare il mal di denti e rimandare il controllo odontoiatrico ma piuttosto la paura della fattura a fine visita (quando viene rilasciata). Certo esiste ancora l’alternativa pubblica ma i tempi di attesa sono scoraggianti.
Più della metà del campione intervistato (il 51%) ammette di non aver effettuato una visita dentistica di controllo nell’ultimo anno.

Di questi il 32% trascura del tutto la prevenzione e ricorre al dentista solo in casi di emergenza o dolore insopportabile. Questa percentuale peraltro sale (fino al 43%) spostandosi da Nord a Sud. E all’interno di questa percentuale uno su dieci adduce come motivazione di tale negligenza proprio il costo del dentista, considerato troppo eccessivo. Tra le visite mediche eccessivamente onerose il 35% degli intervistati mette al primo posto proprio il controllo dal dentista.

Del 49% che esegue almeno un controllo l’anno, il 9% sfrutta il mese della prevenzione gratuita (in realtà i mesi sono due, Marzo ed Ottobre ndr): ulteriore conferma della preoccupazione per il costo del dentista. E del resto non è un caso che spesso gli italiani ignorino i prezzi di beni di prima necessità ma che ben otto su dieci sanno indicare con relativa precisione il preventivo di spesa per una carie, per un’estrazione, per la pulizia dei denti o per altre prestazione odontoiatriche più gettonate. Segno evidente che si tratta di una voce che incide notevolmente sul bilancio.
I dati sono confermati anche dall’Andi, Associazione nazionale dentisti italiani: già nel 2010 le visite erano state circa 2,5 milioni di meno dell’anno precedente e per il 2011 era previsto un ulteriore calo degli incassi del 46%. Ma come vivono i professionisti questa situazione? L’altra faccia della medaglia di questo fenomeno è il calo degli incassi degli studi dentistici privati. Basta dare uno sguardo ai siti di gruppo d’acquisto per notar come spesso i dentisti offrano offerte low cost per attirare nuovi clienti. Senza dimenticare le offerte di viaggi tutto compreso per recarsi da dentisti nei Paesi confinanti al nostro (come la Croazia) che hanno prezzi decisamente più bassi di quelli italiani.
Valore Conto 468 x 60
RISORSE:
CREDIT
purplemattfishpurplemattfish by flickr
 
blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed