Martedi, 16 Ottobre 2018

Back Consumatori Conciliazione: Soluzioni Alle Controversie in 43 Giorni ad un Decimo Del Costo Che in Tribunale

Conciliazione: Soluzioni Alle Controversie in 43 Giorni ad un Decimo Del Costo Che in Tribunale


conciliazione, mediazione, unioncamere

Lo scorso 21 marzo è entrata in vigore in Italia la Conciliazione Obbligatoria che sostanzialmente obbliga chi intende andare in causa, per controversie che riguardano alcuni ambiti civili, a passare prima per una mediazione. Visti i ritardi e cronici della giustizia italiana e i tempi biblici dei processi questa “nuova” soluzione per abbreviare i tempi delle controversie avrà avuto un effetto positivo?
Stando a quanto riporta l'analisi dei dati sulle procedure di mediazione condotte dalla rete dei servizi di conciliazione delle Camere di Commercio, a partire dal 21 marzo fino alla fine di settembre, si, eccome.
Secondo quanto riferisce l' Osservatorio di Unioncamere sulla Conciliazione, infatti, le richeiste di mediazione complessivamente depositate sono state 8.709, il 73% delle quali al 30 settembre risultava già definito.

Di queste, in meno della metà dei casi (il 44%) la controparte ha accettato di presentarsi davanti ad un mediatore, un dato piuttosto basso che può avere poi risvolti negativi anche nell'azione giudiziaria vera e propria. Nel 39% dei casi la mediazione si è conclusa con un accordo favorevole alle parti, inoltre spiega l'indagine con l'andare del tempo la percentuale di successo delle mediazioni è cresciuta, passando dal 26% del periodo marzo-aprile al 55% del mese di settembre.

Unioncamere sottolinea poi che più il valore della controversia è basso maggiore è il caso in cui le controparti trovino un accordo attraverso la mediazione. Nello specifico, analizzando solo l'ultimo trimestre, nelle vertenze fino a 1000 euro la probabilità che la mediazione si concluda con un accordo tra le parti raggiunge quasi il 90% dei casi. Se il valore sale a 5 mila euro, la probabilità di un accordo si attesta al 78%, mentre salendo a 10 mila euro (valore entro il quale si collocano il 53% delle procedure gestite dalle Camere) la probabilità di raggiungere un accordo sfiora il 70%.
Secondo quanto riporta UnioncamereUnioncamere entro la fine dell'anno si prevede che alle Camere di Commercio giungano circa 13 mila richieste di mediazione che sommate a quelle pervenute nei prime tre mesi portano, il totale atteso a circa 20 mila procedimenti per l'intero 2011. A livello territoriale, da quando la conciliazione è diventata obbligatoria, l'affluenza maggiore di richieste di mediazione si è avuta nelle Camere di commercio del Nord-Est (il 34% del totale), oltre un quarto ha riguardato quelle del Nord-Ovest, più di un quinto quelle del Sud e solo il 18% ha interessato le Camere di Commercio del Centro Italia.
Parlando di costi il confronto tra il costo di una procedura di mediazione presso le Camere di Commercio e quello di una causa davanti al giudice ordinario è, secondo il rapporto Doing Business, pari rispettivamente al 3,5% e al 29,9% del valore della causa. Per cui la procedura di conciliazione risulta essere più conveniente di quasi 10 volte rispetto al processo in tribunale.
Analizzando i dati pubblicati da Unioncamere si può dire che essendo il valore medio delle conciliazioni gestite dalle Camere di Commercio pari a 73.700 euro,il risparmio rispetto alla via ordinaria presso un tribunale è di oltre 21 milioni di euro.
Va detto che la mediazione non si svolge solo presso le camere di commercio e come spiega, il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, le quasi 9 mila richieste depositate, rappresentano una quota di mercato pari al 26% del totale delle mediazioni. In Italia, infatti, vi sono circa 600 organismi accreditati alla mediazione presenti nel Registro del Ministero della Giustizia, di cui le Camere di Commercio rappresentano solo il 13%.
Per cui tornando ai risparmi possibili dal meccanismo della conciliazione, considerando l'intero mercato delle mediazioni del periodo, pari secondo il Ministero della Giustizia a 33.685 procedimenti, (dal 21 marzo), Unioncamere stima che il risparmio realizzato a livello complessivo si avvicini agli 80 milioni di euro.

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:







blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed