Lunedi, 20 Gennaio 2020

Back ECONOMIA Categorie Consumatori IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO: COS'È, CHI NE HA DIRITTO E COME ACCEDERVI

IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO: COS'È, CHI NE HA DIRITTO E COME ACCEDERVI


classactionintesaudi.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Il patrocinio gratuito è un istituto giuridico previsto dalla Costituzione Italiana (art. 24) che consiste nel diritto ad assistenza legale gratuita per promuovere un giudizio o per difendersi davanti al giudice, a coloro che non sono in grado di sostenere economicamente le spese legali. Il principio di base è quello di assicurare anche a i non abbienti il diritto alla difesa e a non essere oggetto di torti od abusi solo per il fatto di non aver mezzi economici per potersi difendere. Il patrocinio a spese dello stato è ammesso nei processi penali, in quelli civili, in quelli amministrativi, in quelli tributari. E' ammesso anche nel procedimento di esecuzione, nei processi di revisione, revocazione, opposizione di terzo e nei processi di applicazione delle misure di sicurezza. É valido per ogni grado e fase del processo e davanti ad ogni giurisdizione (tribunali, corti d’appello, corte di cassazione, magistrati e tribunali di sorveglianza, tribunali amministrativi regionali, consiglio di Stato, commissioni tributarie e corte dei conti).
In questi casi le spese legali e processuali, saranno liquidate dal giudice al termine del processo e pagati dallo Stato.
Per poter accedere al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, come disciplinato dal DPR 115/2002, occorre avere una capacità reddituale non superiore a 10628,16 euro (tale soglia viene aggiornata ogni due anni). Per il processo penale tale soglia di reddito è aumentata di 1032, 91 euro per ogni familiare a carico. Concorrono a formare questo limite reddituale tutti i redditi imponibili ai fini delle imposte sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), così come tutti i redditi esenti da Irpef (es indennità di accompagnamento) e quelli assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva.  Qualora l'interessato viva con la famiglia il reddito si somma a quelli del coniuge e degli altri familiari conviventi, a meno che questi non sia in causa contro i familiari. In caso di dichiarazioni mendaci o non veritiere sulla propria capacità reddituale al fine di accedere indebitamente al patrocinio gratuito, la legge prevede sanzioni penali gravi (reclusione da 1 a 6 anni e 8 mesi) e amministrative (multa da 309,87 euro a 1549,37 euro), oltre a ovviamente dover pagare tutte le somme corrisposte dallo Stato.
il limite reddituale deve essere presente al momento della richiesta di patrocinio gratuito e deve permanere per tutta la durata del processo.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Fatta salva questa condizione sono ammessi al patrocinio a spese dello stato tutti cittadini italiani e quelli stranieri e nel processo civile anche gli enti o associazioni che non perseguano fini di lucro e non esercitino attività economica. Per quanto riguarda gli stranieri va fatta però una precisazione in merito alla regolarità del soggetto. Infatti il patrocinio gratuito riguarda tutti gli stranieri residenti nel processo penale, mentre in quello civile sono contemplati solamente gli stranieri regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale al momento del sorgere del rapporto o del fatto oggetto del processo da instaurare.
La domanda per il patrocinio gratuito deve essere sottoscritta esclusivamente dall'interessato e presentata prima dell’inizio del giudizio o durante il giudizio stesso. La domanda dovrà contenere l'indicazione del processo le generalità e il codice fiscale del richiedente (e dei familiari conviventi). Nella domanda dovrà anche essere dichiarato che si è nelle condizioni reddituali necessarie per poter accedere all'istituto giuridico

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente Joe GratzJoe
Gratz di flickr per l'immagine 

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed