Lunedi, 18 Novembre 2019

Back ECONOMIA Categorie Consumatori Poker e Casinò Online: Scatta la Possibilità di Giocare Cash e i Consumatori Protestano

Poker e Casinò Online: Scatta la Possibilità di Giocare Cash e i Consumatori Protestano


pokeronline2007.gif

Dallo scorso lunedi (18 luglio) è iniziata una nuova era per il gioco d'azzardo legale online in Italia. Infatti, come previsto dal decreto Abruzzo 2009 e dopo una fase di sperimentazione che ha coinvolto nei mesi scorsi oltre 200 sale virtuali online, è stata aperta la possibilità per i cittadini italiani di giocare soldi veri nei casino online . In sostanza rispetto a prima è stata introdotta la possibilità di effettuare puntate cash sui giochi online e ai tavoli da poker online, proprio come nei veri casinò, in luogo della possibilità di giocare solo in modalità torneo (ovvero pagando un buy in iniziale).
Il nuovo sistema, che diverrà definitivamente operativo il prossimo venerdi (22 luglio), si appresta a conquistare parecchi consumatori, basti pensare che secondo quanto comunicato dalla piattaforma di giochi NetBetCasino, negli ultimi 30 giorni 3,5 milioni di italiani hanno cercato il termine “giochi online' su Google mentre 1 milione di persone ha cercato i “casinò”. Roulette, slot machine e black jack invece hanno raccolto rispettivamente 850 mila, 180 mila e 100 mila ricerche da parte degli utenti italiani. Sempre secondo le previsioni di NetBetCasino.it, questa nuova opportunità di gioco porterà il settore ad attestarsi su un giro di affari intorno ai 40 miliardi, già nel 2012, pari ad oltre il il 2% del PIL nazionale.

Insomma la voglia di gioco in Italia sembra sempre maggiore e questa nuova opportunità pare proprio fatta apposta per incontrare le esigenze degli italiani.
Tutto ok, parrebbe, se non fosse che il gioco d'azzardo nasconde parecchie insidie non solo nelle trame dei tavoli verdi ma anche in quella della psicologia umana e andare incontro a vere e proprie patologie è tutt'altro che impossibile (o difficle).
In proposito, Marco Porlizzi, presidente di Primo Consumo, ha espresso giudizi negativi sia nei confronti dei governanti che delle concessionarie, colpevoli di aver sottovalutato, quand'anche ignorato il crescente problema delle ludopatie tra i giocatori abituali, che sempre più spesso finiscono col far ricorso: “a prestiti illegali per tentare di recuperare le perdite finendo nella rete degli usurai".
Decisamente Critica nei confronti di questa misura è anche l'associazione Libera, secondo cui “ Da oggi per legge si può diventare malati d'azzardo”.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Per l'associazione è sbagliato incentivare il gioco d'azzardo perchè crea dipendenza in una fascia non esigua di giocatori, presentando aspetti sociali perche' di fatto costituisce una vera e propria tassa sui poveri che si illudono di far quadrare i propri bilanci tramite scorciatoie. Il pericolo è che a farne le spese siano i più giovani visto che sono i più esposti al mezzo telematico. Inoltre l'associazione, riprende il problema dei debiti di gioco, sottolineando che il gioco d'azzardo crea indebitamento e quindi ricorso a fonti di denaro illecito e alla pratica sempre più diffusa dell'usura.
Anche  il segretario generale dell'Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona, boccia il provvedimento del governo, sottolineando che: "Legalizzare il gioco d'azzardo non è la strada migliore per fare cassa in periodo di crisi". "lo Stato- prosegue Donà - manca ancora una volta di svolgere il suo ruolo sociale che svende in nome dei lauti guadagni procurati dalla dabbenaggine della povera gente".
[

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT
JohnSebJohnSeb by flickr

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed