Sabato, 25 Gennaio 2020

Back ECONOMIA Categorie Consumatori SICUREZZA: IL 5,7% DEI CITTADINI SUBISCE REATI CONTRO LA PROPRIETÀ E REATI VIOLENTI

SICUREZZA: IL 5,7% DEI CITTADINI SUBISCE REATI CONTRO LA PROPRIETÀ E REATI VIOLENTI


istatsicurezzafurti2211.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

L'Istituto di Statistica ha pubblicato un'interessante indagine sul fenomeno della criminalità, attraverso il punto di vista della vittima. Scopo dell'analisi è quello di identificare i gruppi di popolazione più a rischio e di delineare il quadro della percezione soggettiva della sicurezza nella zona in cui si vive. Senza dimenticare l'analisi del rapporto tra cittadini e forze dell'ordine e delle strategie messe in atto da individui e dalle famiglie per difendersi.
I dati rilevati dall'Istat si basano sull'analisi delle risposte di un campione di 60mila cittadini tra il 2008 e il 2009. Vediamo sinteticamente i principali risultati


REATI SUBITI DAGLI INDIVIDUI
Questi reati si dividono in due gruppi: quelli contro la proprietà come gli scippi, i borseggi, i furti di oggetti personali e i reati violenti, come le minacce, le aggressioni e le rapinie Nel biennio 2008-2009 il 5,7% dei cittadini è rimasto vittima di questi reati. Tra i reati contro la proprietà il più diffuso è il furto di oggetti personali (lo ha subito il 2,2% dei cittadini), seguito dal borseggio (1,6%) e dallo scippo (0,5%). Per quanto riguarda i reati violenti, invece, al primo posto si collocano le minacce, subite da quasi un cittadino su cento (0,9%), seguite dalle aggressioni (0,6%) e dalle rapine (0,4%).
Circa una famiglia su sei (16,2%) ha subito reati che riguardavano la propria casa, i mezzi di trasporto o gli animali. I reati relativi ai veicoli sono al primo posto (12,6%), si tratta per il 7,8% di atti vandalici, di furti di biciclette (3,8%), di furti di parti di auto o camion (2,9%), di furti di motorino (2,8%), di furti di oggetti nei veicoli (2,1%), di furti di moto (1,8%) e di auto (1,7%).
Per quanto riguarda i reati subiti in casa, nell'1,1% dei casi si è trattato di furto all'interno dell'abitazione mentre nello 0,9% di furti di oggetti esterni. Infine nell'1,4% dei casi si è trattato di atti vandalici contro l'abitazione.
Quasi tre famiglie su cento (il 2,6%) hanno subito reati nei confronti dei propri animali, che sono stati maltrattati, feriti o uccisi.


PHISHING, CLONAZIONE DI CARTA DI CREDITO E FRODI ONLINE
Secondo l'Istat tali reati hanno coinvolto 1,125 milioni di cittadini, ovvero l’1,4% di coloro che usano la carta di credito o il bancomat o gli assegni bancari e l’8,3% di coloro che hanno acquistato merci o servizi in rete. In particolare il 3,4% non ha ricevuto le merci o i servizi acquistati, il 5,5% ha ricevuto prodotti diversi per qualità e quantità e allo 0,3% è stato prelevato maggior denaro rispetto al dovuto. Lo 0,6% delle famiglie ha inoltre dichiarato di essere stato vittima di truffa, con qualcuno che li ha ingannati spacciandosi per un'altra persona al fine di ottenere denaro o donazioni.



COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



ANALISI TERRITORIALE E PERCEZIONE DELLA SICUREZZA
Secondo l'indagine Istat il rischio di subire i differenti tipi di reato varia nelle diverse zone del Paese. Il rischio è maggiore al Sud per quanto riguarda rapine, scippi, minacce, furti dei veicoli e delle parti di veicoli, mentre è superiore al Centro Nord per i furti di oggetti personali senza contatto, i borseggi, i furti della prima casa e quelli di biciclette. In generale, evidenzia l'indagine, è maggiore la probabilità di subire i reati individuali nelle aree metropolitane, soprattutto per quanto riguarda scippi e borseggi. Dall'altra parte nelle periferie sono maggiormente diffuse le minacce.
Il 77,9% della popolazione definisce il quartiere dove abita poco o per niente a rischio di criminalità. Rispetto ad un anno prima dell'intervista il 63,8% dei cittadini nota una situazione pressoché invariata, tuttavia il 19,6% valuta che la criminalità è maggiore, mentre il 9,1% pensa che sia diminuita.
In chiusura segnaliamo che l'opinione sulle forze dell'ordine è positiva nel 61,6% dei casi e negativa per il 38,4%, sono soprattutto i giovani tra i 24 e i 5 anni ad avere un'opinione negativa

  [Via: IstatIstat ]


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente ƒeƒe di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed