Sabato, 28 Marzo 2020

Back ECONOMIA Categorie Consumatori TOYOTA LANCIA UNA MASSICCIA CAMPAGNA DI RICHIAMI, SEMPLICE ROUTINE O ENNESIMO SEGNO DI CRISI?

TOYOTA LANCIA UNA MASSICCIA CAMPAGNA DI RICHIAMI, SEMPLICE ROUTINE O ENNESIMO SEGNO DI CRISI?


toyotarichiami.gif
Toyota Lancia Una Massiccia campagna di richiami: Semplice Routine o Ennesimo Segno di Crisi? | Consumatori |

E' di questi giorni la notizia che la casa automobilistica giapponese Toyota ha annunciato una massiccia campagna di richiami delle proprie autovetture, sia parla di ben 2,3 milioni di vetture in Usa e 1,8 milioni in Europa. Ma di cosa si tratta? Cos'è questo difetto di fabbricazione di cui tanto si parla? In realtà sembra essere il classico caso che accade veramente di rado, ma, una volta verificatosi, è davvero pericoloso; stiamo parlando di un difetto al pedale dell'acceleratore che può mettere a repentaglio anche la vita di chi guida l'auto. Toyota comunica che i modelli che rientrano nella misura a protezione dei clienti sono otto, distinti in base al periodo in cui sono stati realizzati: si va da AYGo (2005-2009), IQ (2008-2009), Yaris (2004-2009), Auris (2006-2010), Corolla (2006-2009), Verso (2009-2010), Avensis (2008-2009) e RAV4 (2005-2009). Verrebbe da dire nessuno è perfetto, pensando proprio al successo di Toyota, prima casa automobilistica al mondo per numero di vendite, che negli anni ha fatto dell'affidabilità, del ricorso alla tecnologia e della qualità del prodotto il proprio marchio di fabbrica. Ultimamente però qualcosa deve essersi inceppato se si pensa che oltre ai problemi all'acceleratore sono sorti guai all'impianto frenante ABS per i modelli ibridi Prius, che saranno a breve oggetto di un'ulteriore campagna di richiami. Toyota Motor Italia comunica che in Italia le vetture Prius coinvolte saranno circa 2500, ma attualmente non è ancora disponibile un elenco dei telai oggetto dei richiami.

gommadiretto.it


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Toyota ha comunicatocomunicato che per risolvere il problema all'acceleratore basteranno 30 minuti in assistenza,mentre il problema all'abs sarà risolto in 40 minuti. La notizia che ha indubbiamente preoccupato i consumatori non ha però sconvolto il mercato, visto che di richiami ne è piena la storia dell'automobile (a proposito è di questi giorni la notizia che anche Honda ha lanciato una campagna di richiamo per 430 mila vetture) . Anzi la pronta risposta di Toyota è stata apprezzata dagli operatori, soprattutto in America dove esiste comunque una fortissima cultura del rispetto del cliente (a differenza di Europa e Giappone). Negli stati uniti, infatti, esiste un ente federale (National Highway Traffic Safety Administration) nato nel 1966 che ha proprio il compito di vigilare sulla sicurezza degli automobilisti e con il “potere” di imporre richiami alle case automobilistiche. Si pensi che nel 2008 Ford America su ordine del Nhtsa dovette richiamare ben 12 milioni di auto e track per colpa di un interuttore a rischio di surriscaldamento. Insomma,la realtà è che il futuro dell'auto, sempre più improntato verso un'evoluzione tecnologica, porterà come conseguenza un aumento delle campagne di richiamo.



NOTE

Toyota ha messo a disposizione il numero verde 800 869 682, attivo 7 giorni su 7, attraverso il quale è possibile sapere se la propria auto è coinvolta nelle campagne di richiamo indicate e l’iter da seguire. La casa automobilistica francese Peugeuot ha anch'essa lanciato una campagna di richiamo delle proprie autovetture,in quanto è incorsa nello stesso difetto di fabbricazione di Toyota (problema all'acceleratore), per quanto riguarda i modelli Peugeot 107 e Citroen C1.Nel nostro paese le auto marchiate Peugeot a rischio sono circa 9000; il numero verde messo a disposizione dalla casa francese è lo 800-900901 oppure lo 800-804080.


[Via: RepubblicaRepubblica, Ermesconsumer.itErmesconsumer.it]



CREDIT
Si ringrazia l'utente Josh Michtom Josh
Michtom di flickr per l'immagine

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed