Martedi, 12 Novembre 2019

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News I Sussidi Alle Fonti Fossili Aumentano Nel Mondo, Ma Sono Stabili In Italia

I Sussidi Alle Fonti Fossili Aumentano Nel Mondo, Ma Sono Stabili In Italia


fonti fossili, pozzo petrolio, energie rinnovabili

Mentre il mondo si interroga su come uscire il più rapidamente possibile dalla crisi economica, soprattutto per quanto riguarda i Paesi economicamente avanzati, l'Ocse avanza una proposta molto interessante. L'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ,nel suo ultimo rapporto “Inventory of Estimated Budgetary Support and Tax Expenditures Relating to Fossil FuelsInventory of Estimated Budgetary Support and Tax Expenditures Relating to Fossil Fuels”, sostiene che siano necessarie riforme strutturali, a partire proprio dal taglio dei sussidi inefficienti. Uno di questi riguarda la rimodulazione o la cancellazione dei sussidi alle fonti fossili, misura che può contribuire sia al raggiungimento degli obiettivi economici e fiscali che a risolvere i problemi ambientali che riguardano i cambiamenti climatici e l'inquinamento.

Verso la fine del 2009 i leader del G20 e quelli Asia-Pacific Economic Cooperation (Apec) hanno convenuto sulla necessità di razionalizzare le sovvenzioni inefficienti ai combustibili fossili, tuttavia questo impegno non è stato propriamente rispettato. Pur nella difficoltà di avere in mano dati oggettivi, l'Ocse spiega che tra il 2005 e il 2010 (quindi anche nel periodo in cui i Paesi si erano impegnati) il sostegno ai combustibili fossili nei 24 Paesi Ocse esaminati è stato par ad un valore compreso tra i 45 e i 75 miliardi di dollari l'anno. Ovviamente, spiega l'Ocse, non tutta questa somma è da definire come inefficiente, tuttavia esistono ampi spazi per risparmiare denario e migliorare l'ambiente, attraverso una riforma dei sussidi alle fonti fossili.

Secondo le analisi congiunte di Ocse e IEA (Agenzia Internazionale Energia), solamente tagliando una piccola parte dei sussidi alle fonti fossili si ridurrebbero le emissioni del 6% al 2050 e si ridurrebbe la domanda di energia del 4%. Secondo i dati IEA nel 2010 ben 409 miliardi di dollari sono stati spesi per aiutare le fonti fossili, di cui quasi la metà 193 miliardi (il 47,7%), è andata ai prodotti petroliferi, mentre solo l'8% è andato ad aiutare le fasce più povere della popolazione. Tra i Paesi che hanno ridotto i sussidi alle fonti fossili ci sono India, Cina e Russia, mentre coloro che finanziano di più i combustibili fossili sono Iran e Arabia Saudita.
In generale l'Ocse ha calcolato che esistono 250 tipologie di sussidi alle fonti fossili, sebbene un calcolo univoco tra i vari Paesi sia difficile da quantificare, visto che alcuni riguardano particolari categorie di consumatori. Tra i 24 Paesi analizzati dall'Ocse vi è anche l'Italia, vediamo come è andata.

 
I SUSSIDI ITALIANI ALLE FONTI FOSSILI
L'Ocse riconosce che il nostro Paese è povero di risorse per cui è strettamente dipendente dalle importazioni di combustibili fossili, abbiamo visto proprio nei giorni scorsi che siamo in deficit annuo di 44 Gwh Anno). Tuttavia le importazioni stanno aumentando segno che il consumo di energia eccede la produzione, nonostante il nostro Paese si stia impegnando anche discretamente nell'aumentare la quota di impianti da fonti rinnovabili. L'Italia va detto non è uno di quei Paesi con i sussidi più alti. Tra i meccanismi di sussidio presenti in Italia, segnalati dall'Ocse nel 2010 vi sono:
  • 492 milioni di euro di esenzione fiscale per la spedizione marittima
  • 1,40 milioni di euro per riduzione fiscale del carburante per il trasporto ferroviario
  • 816 milioni di euro di agevolazioni fiscali del carburante per l'agricoltura
  • 14,20 milioni di sgravi fiscali per il trasporto pubblico
  • 4,10 milioni di euro di sgravi fiscali per le ambulanze
  • 95 milioni di euro di sgravi fiscali per le aziende di autotrasporti
  • 51,90 milioni di euro di sgravi fiscali per gli utenti che vivono in aree svantaggiate.
Attivati subito

RISORSE:

  

CREDIT
joshuadelaughterjoshuadelaughter by flickr
 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed