Lunedi, 18 Novembre 2019

Back ECONOMIA Categorie Famiglia CRESCONO DELL'8,8% GLI STRANIERI IN ITALIA, CHE PREFERISCONO IL NORD E ARRIVANO DALL'EST EUROPA

CRESCONO DELL'8,8% GLI STRANIERI IN ITALIA, CHE PREFERISCONO IL NORD E ARRIVANO DALL'EST EUROPA


stranieritalychild1210.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Nell'ultimo anno i cittadini stranieri residenti in Italia sono aumentati dell'8,8%, ovvero di 343764 unità, a rilevarlo è l'Istat nel consueto rapporto annuale sugli stranieri residenti. In concreto al 1° gennaio 2010 sono 4235059 gli stranieri residenti in Italia, pari al 7% del totale dei residenti, mentre un anno fa essi rappresentavano il 6,5%. L'aumento nell'ultimo anno è stato consistente ma inferiore a quanto registrato nel precedente biennio, quando l'aumento degli stranieri residente era stato di 494mila nel 2007 (+16,8%) e di 459mila nel 2008 (+13,4%), principalmente per effetto della diminuzione degli ingressi dalla Romania. L'incremento degli stranieri residenti in Italia è dovuto principalmente alle iscrizioni in anagrafe dall'estero, ovvero ai nuovi flussi migratori che nel 2009 sono stai 406725, in diminuzione del 18,1% rispetto all'anno precedente. Aumentano invece i figli di genitori stranieri che nel 2009 sono stati 77109, in crescita del 6,4% rispetto all'anno precedente e pari al 13,6% delle nascite totali.
A tal proposito l'Istat rileva che senza l'apporto dei cittadini stranieri, l'Italia sarebbe un Paese con popolazione in diminuzione. Nel 2009, infatti, la popolazione italiana è diminuita di circa 75mila unità, per cui l'aumento della popolazione residente, passata da 60045068 unità del 1 gennaio 2009 alle 60340328 unità del 1° gennaio 2010, è imputabile alla dinamica naturale e migratoria degli stranieri. Il saldo della popolazione straniera (+72341 unità), compensa in buona parte il saldo naturale negativo dei cittadini italiani (-95147 unità).
In aumento del 10,6% anche le acquisizioni di cittadinanza, soprattutto attraverso un matrimonio misto (ovvero tra un cittadino italiano ed uno straniero), che come abbiamo visto, sia dal rapporto Istat che da quello Moneygram, sono in continuo aumento.
Gli stranieri minorenni sono 932675, il 22% del totale degli stranieri residenti, di cui 573mila (il 61,4%) sono nati in Italia, mentre la restante parte è giunta nel nostro Paese per il ricongiungimento familiare (minori che raggiungono i genitori nel nostro Paese). I minori nati in Italia, rappresentano la seconda generazione, stranieri non immigrati, ma figli di immigrati


DIFFUSIONE TERRITORIALE DEGLI STRANIERI E PROVENIENZA GEOGRAFICA
A livello geografico circa la metà degli stranieri, il 49,3% del totale ( 2 milioni 86mila individui) proviene dall'Est Europa, soprattutto da Paesi recentemente entrati nell'Unione Europea (1,71 milioni, fra cui 888 mila dalla sola Romania) Un altro milione e 15 mila proviene da Paesi est europei non appartenenti alla Ue. L'aumento di cittadini dall'est Europa nell'ultimo anno è stato di 181mila, in crescita del 9,5%, di cui 105mila provenienti da Paesi di nuova adesione alla UE (+10,9%), mentre i rimanenti 76mila (+8,1%) provengono da Paesi dell'est non facenti parte dell'UE. I cittadini dei Paesi asiatici cono cresciuti nell'ultimo anno dell'11,6%, ovvero di circa 71mila unità.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI




Nell'ultimo anno i Paesi da cui si è registrato un maggior afflusso di stranieri in termini di crescita percentuale sono la Moldova (+18,1%), il Pakistan (+17,1%), l’India (+15,3%) e l’Ucraina (+13,1%). Di rilievo anche l'aumento dei cittadini peruviani (+13%), dovuto probabilmente alla regolarizzazione del lavoro domestico, a cui è imputabile anche l'incremento dei cittadini della Moldova.
Le zona d'Italia “preferita” dagli stranieri è il Nord Italia, dove risiede il 60% degli stranieri, mentre il 25% risiede nel Centro e il 13,1% nel Mezzogiorno.
Al 1° gennaio 2010 nel Nord-ovest risiede il 35% degli stranieri, nel Nord-est il 26,6%, nel Centro il 25,3%, nel Mezzogiorno il 13,1%. Quasi un quarto (23,2%) degli stranieri residenti in Italia è iscritto nelle anagrafi dei comuni della Lombardia e quasi un decimo nella sola provincia di Milano, una quota non molto inferiore a quella dell’intero Mezzogiorno d’Italia.
A livello di crescita percentuale però , nell'ultimo anno l'incremento maggiore della popolazione straniera si è registrato nelle regioni del Mezzogiorno (+11,8%) e nelle Isole (+11,4%), rispetto a quelle del Centro-Nord. Le regioni che hanno fatto registrare il massimo incremento sono la Puglia (+14,2%), la Basilicata e la Sardegna (+12,7%) e la Calabria (+12,1%).
Ciò è imputabile, rileva l'Istat, soprattutto a cittadini rumeni e bulgari, che nel Mezzogiorno hanno fatto registrare incrementi doppi (intorno al 20% rispetto a quelli registrati nel resto d'Italia, ma anche grazie alla crescita di cittadini del Marocco e dello Sri Lanka, cresciuti al Sud di circa 3-5 punti percentuali in più che al Centro-Nord

[Via: IstatIstat ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 


CREDIT
Si ringrazia l'utente sixintheworldsixintheworld di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed