Venerdi, 16 Novembre 2018

Back ECONOMIA Categorie Famiglia TRIPLICANO I MATRIMONI MISTI: UN'UNIONE SU SETTE È COMPOSTA DA UN CONIUGE NON ITALIANO

TRIPLICANO I MATRIMONI MISTI: UN'UNIONE SU SETTE È COMPOSTA DA UN CONIUGE NON ITALIANO


matrimistimoneygram.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Triplicano i Matrimoni Misti: un'Unione su Sette è Composta da un Coniuge non Italiano | Divorzi | Moneygram |

Qualche Tempo fa abbiamo presentato il rapporto Istat sull'andamento del numero di matrimoni, di separazioni e di divorzi in Italia. Nell'Indagine emergeva l'aumento del numero dei cosiddetti matrimoni misti, ovvero di quelle unioni civili o religiose dove uno dei due coniugi è straniero mentre l'altro è italiano. Oggi torniamo sull'argomento per presentare i dati dell'Osservatorio sui matrimoni misti in Italia elaborato dalla società' MoneyGram su dati del Dossier statistico 2009 di Caritas Migrantes. Nel rapporto si evidenzia come negli ultimi 15 anni i matrimoni misti siano triplicati, crescendo ad un ritmo del 9,5% all'anno, con l'Emilia Romagna a guidare il gruppo delle regioni dove il fenomeno è più diffuso.
Nel lo specifico i matrimoni misti sono stati, nel 2009, circa 35mila, il 14% del totale delle unioni, un numero triplo rispetto ai 12mila del 1995. In Emilia Romagna l'incidenza dei matrimoni misti è superiore alla media nazionale e raggiunge quasi il 15% sul totale dei matrimoni. Al secondo posto nella graduatoria vi è la Lombardia con un'incidenza del 13,5% sul totale, seguita dalla Liguria con il 13,1% e dalla Val D'Aosta con la stessa percentuale. I dati dimostrano che il fenomeno è più diffuso al Nord Italia con la Lombardia a far registrare il numero maggiore di unioni miste con oltre 35mila matrimoni.
Secondo Moneygram la forma più comune di matrimoni misti è quella che vede lo sposo italiano, circa 17mila l'anno, mentre quelli in cui la sposa è italiano sono solo 6mila.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI




Gli uomini italiani sposano per lo più donne provenienti dai Paesi dell'Unione Europea con una percentuale del 59%, oppure dal continente americano, con una preferenza per le donne latinoamericane, che rappresentano circa un quarto dei matrimoni misti . Le unioni con donne Provenienti dall'Africa del Nord coprono l'8% dei casi, mentre quelle in cui sono protagoniste le donne asiatiche il 6%. Dall'altra parte le donne italiane mostrano una preferenza verso gli africani, che coprono il 40,7% delle unioni miste e sudamericani nel 17,4% dei casi.
Moneygram sottolinea anche che nei Matrimoni misti è più frequenti il divorzio, con una durata media delle unioni pari a 9 anni, a fronte dei 14 anni per i matrimoni tra coniugi italiani. Nell'ultimo anno di analisi (2008) il 72,5% del totale dei divorziati è rappresentato da coppie in cui il marito è italiano e la sposa straniera.

   


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente [PhotoNerd][PhotoNerd] di flickr per l'immagine



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed