Martedi, 19 Novembre 2019

Back Fisco e Tasse Le Tasse Che in Italia Sono Superiori Alla Media Europea

Le Tasse Che in Italia Sono Superiori Alla Media Europea


tasse, pressione fiscale, imposte

Il peso delle tasse sul reddito raggiungerà nel 2012 il 47,3%, in crescita di 1,7 punti rispetto allo scorso anno e di 1,4 punti sul 2000. A riferirlo è l'EurostatEurostat nell'annuale rapporto sulla tassazione all'Interno dell'Unione Europea. Secondo i dati pubblicati la pressione fiscale sulle aziende rimarrà al 31,4%, come lo scorso anno, ma in netto calo rispetto al 41,3% di dieci anni fa. Nel confronto Europeo l'Italia mostra una pressione fiscale sul reddito superiore sia alla zona euro (43,2%) sia alla media dell'Unione Europea a 27 (38,1%). Tuttavia il valore 2012 risulta inferiore a quello di molti Paesi come Svezia (56,6%), Danimarca (55,4%), Belgio (53,7%), Spagna e Olanda (entrambe al 52%), Austria e Regno Unito (50%), Grecia, Portogallo e Finlandia (49%), Germania (47,5%). Anche sul fronte delle tasse sulle imprese, la pressione italiana risulta essere superiore sia alla zona euro (26,1%) che alla media dell'Unione Europea a 27 (23,5%).

In questo caso gli stati con una tassazione superiore alla nostra sono decisamente in numero inferiore. Abbiamo infatti Francia (36,1%), Belgio (34%), Malta (35%) e Portogallo (31,5%). Sul fronte dell'IVA l'Italia mostra un livello di imposta pari alla media dell'Unione Europea a 27 (21%), grazie all'incremento deciso nella manovra estiva e inferiore di un punto rispetto alla zona Euro. Una media che presto infrangeremo visto che nella Manovra Salva Italia è stato previsto l'aumento dell'IVA di altri due punti percentuali.

Dove il nostro Paese di mostra una tassazione, non solo superiore alla media, ma da record in Europa è sul lavoro. I dati relativi al 2010 mostrano che la percentuale di imposte ed oneri sociali sul lavoro raggiunge il 42,6%, tre decimi di punto in più rispetto allo scorso anno e ben 9,2 punti e 8,6 punti in più rispettivamente rispetto alla media UE e alla media euro. Dietro di noi i soli Paesi con una percentuale di pressione fiscale sul lavoro superiore al40% sono il Belgio (42,5%), la Francia (41%) e l'Austria (40,3%).
Il rapporto fa il punto anche sull tasse sugli immobili che in Italia nel 2010 hanno raggiunto l'1,9% del PIL (in calo di tre decimi di punto rispetto al 2009), di cui l'1,3% rappresentato dalle transazioni e lo 0,6% dalle imposte ricorrenti. In questo caso non vengono forniti i dati medi relativi alla tassazione immobiliare nell'UE e nella zona euro, per cui ci limitiamo ad indicare i Paesi dove le tasse sulla casa sono più elevate. In testa troviamo il Regno Unito con il 4,2% del prodotto interno lordo, la Francia con il 3,4% e il Belgio con il 3,1%. Anche in questo caso il dato italiano è destinato a salire con l'introduzione dell'IMU sulla prima casa, visto che nel 2010 l'Ici sull'abitazione principale era stata già eliminata.
 
Valore Conto 468 x 60
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Investimenti

investimenti

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed