Domenica, 20 Aprile 2014

Back Fisco e Tasse L'Equilibrio tra Imposte Dirette ed Indirette in Italia ed in Europa

L'Equilibrio tra Imposte Dirette ed Indirette in Italia ed in Europa


equilibrio, imposte dirette, imposte indirette

Il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha annunciato che nel processo di attuazione della riforma fiscale saranno predisposti : “schemi di provvedimenti normativi diretti al riequilibrio del sistema impositivo, anche relativamente alla tassazione dei redditi finanziari e al graduale spostamento dell'asse del prelievo dalle imposte dirette a quelle indirette”. Questo ultimo aspetto è molto importante, vediamo di capirci qualcosa di più. In sostanza le imposte dirette sono quelle tasse connesse alla produzione della ricchezza tramite servizi e prestazioni (es Irpef, Ires, Irap etc) o ad alcuni beni in quanto tali (Ici), mentre le imposte indirette sono quelle correlate alla ricchezza nel momento in cui viene trasferita o viene consumata (es Iva, imposte di bollo e di registro etc). Semplificando le prime colpiscono reddito e patrimonio mentre le seconde gli scambi.

Una tale misura costituirebbe quasi una novità per il nostro Paese, che risulta essere, secondo la Cgia di Mestre, uno dei più sbilanciati in Europa verso le imposte dirette. Secondo l'ultima elaborazione dell'ufficio Studi della associazione degli artigiani mestrini, infatti, l'Italia presenta un livello di tassazione sulle imposte dirette pari al 14,5% del Pil, mentre quello relativo alle imposte indirette si attesta al 13,9% del Pil. Nello specifico solo la Danimarca, la Svezia e il Regno Unito con un livello di tassazione sulle imposte dirette pari rispettivamente al 29,6%, al 19,4% e al 15,6%, presentano un peso delle imposte dirette superiore al nostro.

Tra i Paesi che hanno invece un livello maggiore di imposte indirette sui contribuenti, rispetto a quelle dirette, troviamo l'Austria, la Francia, l'Olanda, la Germania (che risulta essere il Paese più equilibrato) e la Spagna. In termini percentuali sul Pil la Francia mostra un livello di tassazione sulle imposte indirette del 14,9% (contro il 10,6% sulle imposte dirette), l'Austria del 14,5% (contro il 12,7%), I Paesi Bassi del 12,1% (contro l'11,9%), la Germania dell'11,1% (contro l'11%) e la Spagna del 10,3% (contro il 9,5%). Anche nella media Ue il peso delle imposte indirette sui contribuenti è maggiore rispetto a quello delle imposte dirette (12,9% contro 12,4%), così come nell'Area Euro (12,7% contro 11,6%). Insomma questa misura allineerebbe l'Italia alla tendenza seguita dai Paesi Ue.
Anche Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre valuta positivamente questa scelta, o meglio dichiara che “l'idea di spostare il carico fiscale sulle indirette è sicuramente una ipotesi da prendere seriamente in considerazione”. D'altro canto lo stesso Bortolussi sottolinea che non devono essere trascurata gli effetti sugli scambi, in quanto “un eventuale aumento delle aliquote sulle indirette potrebbe avere degli effetti negativi sulla propensione agli acquisti degli italiani”.
 
Valore Conto 468 x 60

 
RISORSE

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Investimenti

investimenti

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed