Venerdi, 23 Agosto 2019

Back ECONOMIA Categorie Fisco e Tasse Evasione: Controlli Più Severi su Grandi e Medie Imprese, Lavoratori Autonomi e Onlus

Evasione: Controlli Più Severi su Grandi e Medie Imprese, Lavoratori Autonomi e Onlus


youdito1905.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

L'Agenzia delle Entrate, dopo gli ottimi risultati raggiunti nel 2010 nella lotta e nella previsione dell'evasione fiscale, punta diritto ad un 2011 di nuovi successi. Questo nonostante nella circolare programmatica N. 21/Ecircolare
programmatica N. 21/E si affermi che la strada dovrà procedere verso il mantenimento di un alto livello qualitativo, visto il calo delle risorse destinate per il 2011 all’area di prevenzione e contrasto dell’evasione. Ciò implicherà, secondo l'Agenzia delle Entrate, un'ottimizzazione dell’efficacia delle singole attività di controllo, che consenta di concentrare gli accertamenti sulle posizioni caratterizzate da rischio più elevato. L'analisi di rischio dovrà focalizzarsi soprattutto sui comportamenti evasivi che si prestano ad essere sistematicamente ripetuti (come ad esempio, l’omessa contabilizzazione di una parte dei ricavi conseguiti), perchè tali azioni permettono, da un lato il recupero dell’evasione pregressa e dell'altro producono un effetto deterrente verso gli altri soggetti. Del resto se una metodologia di evasione diffusa viene sempre più spesso scovata, i possibili evasori saranno meno tentati a mettere in atto una strategia, oltre che illegale, anche sempre meno efficace. Vediamo in sintesi cosa cambia tra le attività specifiche per le varie categorie di contribuenti.


GRANDI CONTRIBUENTI
Viene ampliata la platea dei soggetti sottoposti a "tutoraggio", questo per effetto dell'abbassamento del valore limite da 200 milioni a 150 milioni. Questa dato si riferisce al volume d'affari o ammontare di ricavi registrato nel 2009. Per cui da quest'anno cui rientrano sotto la lente del fisco quelle imprese che hanno registrato (nel 2009)un fatturato non inferiore a 150 milioni di euro.



IMPRESE DI MEDIE DIMENSIONI
Per queste aziende verrà effettuata un'analisi del rischio, che si articola in tre fasi concatenate: mappatura, censimento dei rischi e selezione dei contribuenti da sottoporre a controllo. La mappatura viene effettuata in base ai precisi parametri quali : fasce di ricavi e di volume d’affari, natura giuridica, settori economici, redditi e perdite dichiarati, valore della produzione netta IRAP, IVA dovuta e IVA a credito, IRPEF/IRES e IRAP dovute. In seguito si procede al censimento dei rischi di evasione/elusione e all'attribuzione di un risk score alle imprese, che indicherà quali imprese devono essere sottoposte a controllo. Nel caso di parità di rischio, verranno preferite nell'ordine dei controlli quelle imprese che non hanno ricevuto controlli nei quattro anni precedenti e, al contrario, quelle in perdita sistematica .



COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI
Per queste categorie di contribuenti la linea programmatica prevede di destinare una quota crescente di controlli ai lavoratori autonomi, soprattutto per quanto riguarda la congruità dei dati forniti con gli studi di settore , del rispetto degli "obblighi strumentali" e della regolarità del personale impiegato.
In più dal 2001 l'Agenzia delle Entrate desidera aumentare il livello di collaborazione e coordinamento, , oltre che con la Guardia di finanza, anche con gli altri enti che svolgono attività ispettiva (in particolare, Inps, Siae e Comuni).


ENTI ASSOCIATIVI, ONLUS, SOCIETÀ COOPERATIVE E SETTORE AGRICOLO 
Questi soggetti saranno sorvegliati speciali nel 2011, per evitare abusi dei regimi agevolativi concessi a tali tipologie di contribuenti. 
Per le Onlus, lo scopo è quello di scovare chi svolge vere e proprie attività produttive e commerciali, non marginali. Così anche per le cooperative, soprattutto per quelle connesse al settore edilizio, dei servizi sanitari e delle pulizie dove è presente un maggior pericolo di evasione e/o di elusione. Senza dimenticare il settore dei soggetti operanti nel settore agricolo, agli agriturismi, dove spesso si nascondono all'insaputa del fisco vere e proprie imprese commerciali di ristorazione e alberghiere.


 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE


CREDIT
SudhamshuSudhamshu
by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Investimenti

investimenti

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed