Sabato, 18 Gennaio 2020

Back ECONOMIA Categorie Fisco e Tasse FISCO: AUMENTA IL MALCONTENTO CONTRO L'EVASIONE FISCALE, OCCORRE UNA RIFORMA FISCALE CHE PESI MENO

FISCO: AUMENTA IL MALCONTENTO CONTRO L'EVASIONE FISCALE, OCCORRE UNA RIFORMA FISCALE CHE PESI MENO


taxlocalcentral280810.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Italiani sempre più critici verso l'evasione fiscale e sempre più desiderosi di una nuova riforma fiscale che pesi meno su famiglie ed imprese. Questo in sintesi il risultato dell'ultima indagine Confesercenti-Ispo: “Meno peso per famiglie e imprese” sulle esigenze degli italiani in materia fiscale. Secondo l'indagine il 79% degli italiani boccia evasori ed elusori fiscali, una percentuale in crescita di 3 punti da febbraio 2010 e di 8 punti da gennaio del 2009. Questi dati si spiegano anche per la forte preoccupazione che gli italiani hanno nei confronti della crisi, soprattutto per ciò che riguarda la situazione economica ed occupazionale.
Le categorie sociali che hanno subito e subiscono i colpi più pesanti della fase recessiva non escludono, però, una certa indulgenza verso comportamenti non corretti. Questo succede al 30% dei disoccupati, al 22% dei lavoratori dipendenti con basse qualifiche, al 17% dei pensionati ed al 5% delle casalinghe. Si tratta di categorie che anche in questo modo esprimono “rabbia” nei confronti dello stato di disagio che sono costrette a subire e una sorta di rivalsa per una società che non garantisce stabilità del lavoro.
Tra gli imprenditori, i professionisti e gli studenti coloro che si mostrano indulgenti si attestano fra un 21% ed un 17%.
A livello territoriale cresce nel Centro la percentuale di coloro che si dichiarano contrari all'evasione fiscale (dal 49% al 62%), così come al Sud e nelle Isole (dal 46% al 50%). Stabile il dato al Nord-est mentre cala la percentuale al Nord-Ovest (dal 58% al 44%).
Quasi 8 italiani su dieci (il 76%) non giustificano il comportamento di chi pensa ai propri problemi economici e non paga qualche tassa. Si tratta soprattutto di persone non giovanissime e acculturate, del Nord-est e del Centro Italia.
Tra gli indulgenti nei confronti dei comportamenti di evasione fiscale (23%), benil 16% ritiene che non debba esserci nemmeno l'ombra di un rimorso in questo modo di agire. 



COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Anche in questo caso la crisi economica ha fatto sentire il proprio peso nella formazione delle opinioni. Tra coloro che non si scandalizzano né provano sensi di colpa per comportamenti scorretti sul fronte dell'evasione, cresce la percentuale di chi ha perso il lavoro od è in cassa integrazione (dal 17% di febbraio 2010 al 26% odierno). In crescita anche la percentuale tra chi pensa che fra un anno la situazione economica sia peggiorata (dal 20% al 27%) e tra chi è preoccupato per il bilancio familiare (dal 15% al 19%).
Sul fronte della riforma fiscale il presidente della Confesercenti, Marco Venturi, ha evidenziato la necessità di riportare la pressione fiscale dell’Italia all’interno dei confini europei. Secondo Venturi, gli eccessi nazionali in termini di spesa pubblica hanno prodotto una degenerazione del prelievo portando lo Stato, le regioni e gli enti locali a : “rappresentare un socio alla pari di imprese e lavoratori, drenando risorse che potrebbero essere destinate agli investimenti e ai consumi”.
Occorre perciò una svolta in materia fiscale con una riduzione della pressione su imprese e famiglie.

[Via: ConfesercentiConfesercenti ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Investimenti

investimenti

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed