BlogRisparmio.it

Venerdi, 22 Giugno 2018

Back ECONOMIA

Il Salvadanaio

Sconto Fiscale Del 50% per Chi Assume Lavoratori Svantaggiati Nel Mezzogiorno

Mezzogiorno, Lavoratori, tempo indeterminatoAi nastri di partenza il Bonus Sud destinato a chi crea occupazione stabile nel Mezzogiorno. Il beneficio spetta ai datori di lavoro che hanno assunto personale “svantaggiato” o “molto svantaggiato” a tempo indeterminato nel periodo che va dal 14 maggio 2011 al 13 maggio 2013, nella misura del 50% dei costi salariali. I fondi a disposizione sono 142 milioni di euro, garantiti dal Fondo Sociale Europeo e ripartiti nelle varie regioni nel modo seguente: 4 milioni per l'Abruzzo, 2 milioni per la Basilicata, 20 milioni per la Campania, 20 milioni per la Calabria, 1 milione in Molise, 10 milioni in Puglia, 20 milioni in Sardegna e 65 milioni in Sicilia. Per lavoratori “svantaggiati” si intendono, secondo la definizione della Commissione Europea coloro che: non hanno un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, che non possiedono un diploma di scuola media superiore o professionale, che hanno più di 50 anni, che vivono soli con una o più persone a carico.

Add a comment

Crisi: il 23% Dei Fallimenti Ha Riguardato le Costruzioni

costruzioni, fallimenti impreseIl settore delle costruzioni sta vivendo una crisi profonda tanto che negli ultimi tre anni il 23% dei fallimenti totali registrati (circa 33 mila) ha riguardato proprio imprese del settore edile, per un totale di 7.552 imprese fallite. A sottolinearlo è l'Ance, l'associazione di categoria dei costruttori edili, sulla base dei dati di Cerved Group. Dal 2009 al 2011 le imprese delle costruzioni entrate in procedura fallimentare sono aumentate del 25,3%, passando da 2.216 a 2.776, mentre nel primo trimestre dell'anno il numero di fallimenti è aumentato su base annua dell'8,4%, vale a dire ad un tasso doppio rispetto al dato nazionale (+4,2%).

Add a comment

Tasso di Disoccupazione Giovanile: Italia Quarta tra i Paesi Ocse

disoccupazione giovanile, giovani, lavoroIl problema della disoccupazione giovanile in Italia sta assumendo i contorni di una vera e propria emergenza sociale. A ribadire il concetto è stata l'Ocse secondo cui l'Italia è al quarto posto tra i Paesi membri per tasso di disoccupazione giovanile, che ha raggiunto a marzo il 35,9% nella fascia di età 15-24 anni. Il nostro Paese mostra un tasso più che doppio rispetto a quello medio dei Paesi Ocse (17,1%) che a quello dei Paesi del G7 (15,1%) e superiore di più di 15 punti percentuali rispetto al tasso della Zona Euro (22,1%) e dell'Unione Europea a 27 (22,6%).
In generale, sottolinea l'Organizzazione per lo sviluppo economico, si contano nei Paesi industrializzati quasi 11 milioni di giovani disoccupati e il tasso di disoccupazione medio sta tornando ad avvicinarsi al livello massimo del 18,3% registrato nel novembre 2009.

Add a comment

A Rischio Povertà il 22,6% Dei Minori Italiani

Bambini poveri, incidenza povertà, crisiLa crisi sta colpendo duramente l'Italia per quanto riguarda lavoro e redditi delle famiglie, mettendo a rischio il presente e il futuro di intere generazioni di giovani, dai più piccoli, a quelli che non riescono a trovare lavoro o a formare una famiglia. Secondo quanto riporta Save the Children sono più di 480 mila le famiglie italiane costrette a mantenere almeno un figlio che ha perso il lavoro nei 12 mesi precedenti. I più colpiti dalla crisi sono però i minori, con una percentuale del 22,6% di bambini che sono a rischio povertà. Vivono cioè in famiglie con reddito troppo basso per garantire loro ciò di cui avrebbero bisogno per un sano e pieno sviluppo fisico, psichico, intellettuale e sociale. Una quota che è la più alta degli ultimi 15 anni ed in crescita del 3,3% rispetto al periodo di pre crisi (2006).  

Add a comment

Scuola e Nuovo TFA: 20 Mila Posti per l’Abilitazione da Insegnante

Insegnati, scuole, MIur, concorsiNovità in vista per chi sogna di fare l’insegnante. Fra qualche mese verranno aperti i concorsi per accedere al TFA (tirocinio formativo attivo), valevole per l’abilitazione all’insegnamento. Il provvedimento, reso noto a inizio maggio dal Ministero dell’Istruzione, intende colmare una lacuna nata nel lontano 2009. In quell’anno, infatti, venne soppresso il Sissis (la cosiddetta scuola per gli insegnanti), corso che garantiva l’abilitazione. Di conseguenza è da tre anni che il MIUR non produce abilitazione.
I posti al TFA sono 20 mila, cifra apparentemente sufficiente per soddisfare la domanda da parte degli aspiranti insegnanti. Di questi, comunque, 5 mila circa saranno indirizzati alle scuole medie, mentre il resto alle scuole superiori.
Il TFA impone, al fine di conseguire l’abilitazione, la realizzazione di 475 ore di tirocinio che l’aspirante insegnante dovrà ‘trascorrere’ con un insegnante tutor.

Add a comment

Sostegno alla Famiglia: le Regioni Pro Family

sostegno alla famiglia, regioniIn Italia le regioni pro family, quelle dove il sostegno alla famiglia è maggiore, sono in minoranza rispetto a quelle no family, ovvero a quelle in cui le condizioni territoriali non favoriscono crescita a sviluppo. A sostenerlo è la ricerca: “Federalismo familiare. Regioni e territori alla ricerca di una bussola per la famiglia promossa da Cisl Nazionale e da FNP-Cisl Nazionale, con la collaborazione scientifica di Aretès. Lo studio ha preso in considerazione 8 regioni e le ha classificate in uno dei due gruppi secondo l'applicazione di un indicatore di valutazione del Grado di familiarità dei Territorio (Igft) e ha promosso Emilia Romagna, Lombardia e Veneto, mentre tra i bocciati sono finite (Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Sicilia e Toscana). Tuttavia, spiega l'indagine anche nelle regioni pro family, emergono significative criticità ed evidenti richieste di aiuto da parte delle famiglie, che lamentano la mancanza di iniziative a favore delle politiche familiari.

Add a comment

L'Economia Sommersa Ammonta a 490 Miliardi il 31,1% Del PIL

Economia Sommersa, Evasione Fiscale, Economia IllegaleL'Economia sommersa in Italia è enorme e di difficile quantificazione. L'Ultima stima in questo senso arriva da quattro economisti in uno studio riportato sui Temi di discussione della Banca D'Italia e parla di quasi 490 miliardi di euro di economia inosservata pari al 31,1% del Pil (dati 2008). La cifra enorme contiene sia il peso dell'evasione fiscale (290 miliardi) sia quello dell'economia illegale legata alla prostituzione e alla vendita di stupefacenti (187 miliardi). Secondo lo studio la crisi ha influito sull'economia sommersa facendola crescere in maniera significativa. Infatti dal 2006 al 2008 l'economia inosservata è cresciuta del 6,5%, di 3,5 punti per quanto riguarda l'evasione fiscale e di 3 punti relativamente all'economia illegale
L'indagine ha preso spunto dall'utilizzo del contante che in Italia è enorme e che favorisce l'aumento dell'economia inosservata, essendo per definizione non tracciabile.

Add a comment

Vendita Libri: Boom Dell’Editoria Low Cost

Libri, editoria low cost, In tempi di crisi anche la vendita di libri, sia in libreria che online, si adatta e abbassa i prezzi: questa potrebbe essere definita come l’era dell’editoria low cost, con il boom di edizioni a 9,90 euro. Neanche dieci euro e allora il libro diventa un passatempo accessibile e non più un lusso, soprattutto in estate con la riscoperta stagionale della voglia di leggere sotto l’ombrellone.
Il filone della vendita di libri a 9,90 euro è stato lanciato da Raffaello Avanzini della romana Newton Compton ma ora anche altre case editrici si adattano. E in questa categoria low cost si fanno rientrare diversi generi: basti pensare che anche l’ultimo libro di Benedetto XVI, “La gioia della fedeLa gioia della fede ” è stato venduto tra le edizioni San Paolo a questa cifra.  

Add a comment

Smettere di Fumare con il Metodo Easy Way

smettere di fumare, fumoIl fumo è una piaga del nostro tempo. Ogni anno nel mondo muoiono circa 3 milioni di persone a causa del tabacco, sia esso di sigaretta, di sigaro, o trinciato. Smettere di fumare è per molti fumatori un proposito impossibile da raggiungere: la minaccia del cancro e la forza di volontà si rivelano spesso strumenti inadeguati.
Alan Carr ha elaborato – per primo sulla sua pelle – un metodo facile per smettere di fumare. Esso è illustrato nel suo libro, noto in Italia con il titolo “È facile smettere di fumare se sai come farloÈ facile smettere di fumare se sai come farlo ”, un successo planetario (oltre 12 milioni di copie vendute). Reperire la ‘terapia’ è semplice: su Youtube c’è un video-documentario che spiega come fare.
Perché questo metodo è diverso dagli altri? In primo luogo non si basa sulla paura di danni fisici derivanti dal fumo né sulla coercizione della forza di volontà.

Add a comment

Costo Benzina: il Kit Che Trasforma la Macchina in Auto ad Idrogeno

Kit Idrogeno, costo benzinaIl costo della benzina è in continuo aumento e molti italiani, soprattutto nelle grandi città, maggiormente colpite dal traffico, rinunciano a prendere l’auto scegliendo formule alternative di trasporto. E se invece la soluzione alternativa ed ecologica fosse possibile senza rinunciare alla macchina personale (e comunque con un risparmio economico e senza impatto ambientale)? Le auto ad idrogeno diventano una realtà sempre più concreta e fare il “pieno d’acqua” potrebbe essere un’operazione normale in un futuro non troppo lontano.
Certamente gli interessi statali e internazionali dietro il business della benzina sono molteplici e difficili da sradicare ma alcune aziende iniziano a produrre kit in grado di far funzionare il normale motore termico con l'idrogeno senza comprometterne l’efficienza (così almeno sembrerebbe).
Il primo pezzo da acquistare è una sorta di serbatoio da riempire con acqua distillata che viene immessa in un circuito chiuso.

Add a comment

Marchi: la Crisi Non Ha Ridotto la Creatività Italiana

Marchi, creatività, domandeTra il 2009 e il 2012 le domande di marchio comunitario depositate presso l'Ufficio per l'Armonizzazione del Mercato Interno (UAMI) sono state 701.806, l'82,7% delle quali provenienti dai Paesi del G12. I più attivi con il 19,1% delle domande totali sono i tedeschi, seguiti dagli Stati Uniti (12,7%) e dalla Gran Bretagna (9,9%) Segue la Spagna con l'8,8% delle domande e l'Italia con l'8,3%, pari in totale a 6.750 richieste. Il Tasso di crescita annuo dei Paesi del G12 è stato in questo periodo del 6,5% (6,1% il dato italiano), mentre quello dei Paesi BRIC del 22%, nonostante la loro quota di domande depositate all'Uami sia pari solo all'1,6% del totale. I dati che emergono da un'elaborazione Unioncamere-Dintec sottolineano come le imprese italiane siano orientate soprattutto verso la registrazione del marchio italiano rispetto a quello comunitario.  

Add a comment

Pareggio di Bilancio: Necessaria un'Altra Manovra

pareggio di bilancio, manovra correttiva, Pil, Abbiamo visto ieri che l'Italia potrebbe riuscire ad ottenere una deroga dal fiscal compact per poter effettuare investimenti nella Banda Larga, impegnandosi comunque a raggiungere il pareggio di bilancio, un obiettivo che sta diventando sempre più un incubo per il nostro Paese. La Commissione Europea ha spiegato oggi che l'obiettivo è fattibile per l'Italia, ma sarà necessaria una nuova Manovra correttiva. Una notizia che arriva un po' come una doccia gelata, considerando che il Governo ha sempre escluso questa necessità e che conferma che nemmeno l'aumento dell'Iva al 23% potrà salvarci da una nuova manovra. Da Bruxelles fanno sapere che si renderà necessario un aggiustamento di oltre mezzo punto percentuale di Pil. Infatti è previsto un deficit di bilancio del 2% per quest'anno e dell'1,1% nel 2013 (ricordiamo che il pareggio tecnico a cui punta l'Italia si raggiunge con lo 0,5%).

Add a comment

Accesso Alla Casa: Possibile Solo per Una Famiglia su Due

accesso alla casa, famiglie, immobiliIl mercato immobiliare nello scorso anno ha subito un calo delle compravendite del 2,3% rispetto all'anno precedente ma i prezzi hanno tenuto, anzi si registra un aumento della quotazione media dello 0,7% (1.584 euro al metro quadro). É questo il quadro tracciato nel “rapporto Immobiliare 2012rapporto Immobiliare 2012” realizzato dall'Agenzia del Territorio in collaborazione con l'Abi.
Insomma il mercato non ha ancora fatto registrare una ripresa ma non si è assistito al crollo dei prezzi da tanti auspicato. Bisognerà vedere cosa accadrà nei prossimi mesi con l'introduzione dell'IMU, che secondo il Direttore del Censis, Giuseppe Roma, potrebbe comportare un calo dei prezzi del 20% o anche superiore. L'indagine ha preso in considerazione anche l'indice di accesso alla casa da parte delle famiglie italiane (indice di affordability) sottolineando che la famiglia media è sostanzialmente in grado, grazie all'ausilio del mutuo bancario di accedere all'acquisto di una casa media.  

Add a comment

Costo Dentista: con la Crisi Boom Delle Offerte Low Cost

dentista, offerte low costIn tempi di crisi non tutti possono permettersi carie: figuriamoci apparecchi o protesi dentarie! La salute smette di essere una priorità, almeno secondo quanto emerge nell’indagine commissionata dall’Osservatorio sanità di UniSalute: il costo del dentista è infatti uno dei primi che gli italiani tagliano.
Non è più tanto la paura che prende all’idea di vedere il trapano che si avvicina alla bocca a spingere sempre più persone a tollerare il mal di denti e rimandare il controllo odontoiatrico ma piuttosto la paura della fattura a fine visita (quando viene rilasciata). Certo esiste ancora l’alternativa pubblica ma i tempi di attesa sono scoraggianti.
Più della metà del campione intervistato (il 51%) ammette di non aver effettuato una visita dentistica di controllo nell’ultimo anno.

Add a comment

Adolescenti Italiani Sempre Più Pigri e Tecnologici

adolescenti, pigri, sportGli adolescenti italiani sono sempre più pigri e tecnologici, amano tv e pc, specie i social network e Facebook. É questo il quadro tracciato dalla quindicesima edizione dell'indagine “Abitudini e Stili di Vita degli Adolescenti” realizzata dalla Società Italiana di Pediatria su un campione di 2081 studenti della terza media.
Dai risultati è emerso che il 60% degli adolescenti italiani trascorre seduto tra le dieci e le 11 ore al giorno, 4 delle quali (circa) passate sui banchi di scuola, mentre le rimanenti sono il risultato della somma del tempo trascorso davanti a Tv e Pc ( dalle 3 alle 4 ore), di quello impiegato per fare i compiti ( un'ora e mezza) e di quello dedicato a pranzo e cena (un'altra ora e mezza).

Add a comment

L'Impatto Dell'IMU Sulla Prima Casa Rispetto Alla Vecchia ICI

IMU, abitazione principale, prima casa, ICICapire quale sarà l'impatto dell'IMU sulle abitazioni ed in particolare sulla prima casa non è affatto semplice. Abbiamo visto come i Comuni si siano molto lamentati della nuova imposta sostenendo che comporterà un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili, pari al 233% dell'ICI e di come gran parte del gettito finirà nella casse statali, lasciando i comuni con il 30% in meno di risorse rispetto alla vecchia ICI. Uno dei fatti più spinosi riguarda il peso dell'IMU sulla prima casa, visto che dal 2008 l'ICI su questa era stata eliminata. Ha fatto un po' di chiarezza su questi temi il Viceministro all'Economia, Vittorio Grilli, durante il question time di ieri, tirando fuori anche alcune cifre. Secondo quanto riportato la media del prelievo IMU per la prima casa sarà di 235 euro, mentre gli immobili che genereranno IMU saranno 14,6 milioni su 19,2 milioni.

Add a comment

Lavoratori Precari: Ecco l'Identikit

lavoratori precari, lavoratori atipiciIn occasione della giornata nazionale contro la precarietà, prevista per il 10 maggio, la Cgia di Mestre ha realizzato un identikit dei lavoratori precari. Stiamo parlando di un esercito di lavoratori atipici di 3.315.580 unità, il 14.5% degli occupati italiani, composto da dipendenti a termine involontari e dipendenti part time involontari. Ne fanno parte inoltre i collaboratori, i liberi professionisti e i lavoratori in proprio che presentano contemporaneamente 3 vincoli di subordinazione (monocommittenza, utilizzo dei mezzi aziendali e imposizione dell'orario di lavoro). La retribuzione netta mensile per i giovani precari under 34 è di 836 euro al mese, maggiore per i maschi (927 euro) e inferiore per le donne (759 euro). Cifre che escludono importi come benefit, premi produttività, indennità etc.

Add a comment

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed