Domenica, 15 Dicembre 2019

Back Lavoro Stipendi: i Lavoratori Italiani Sono i Quinti Peggio Pagati d'Europa

Stipendi: i Lavoratori Italiani Sono i Quinti Peggio Pagati d'Europa


lavoratori, stipendi, retribuzioni

In Italia secondo la Cgil il bacino di disoccupati, inattivi, precari e sottoccupati coinvolge 8 milioni di persone, ma anche chi un lavoro stabile ce l'ha, non se la passa certo bene, non solo perchè la crisi è tutt'altro che superata, ma soprattutto perchè lo stipendio spesso non basta per arrivare alla fine del mese. La ragione è principalmente una, gli stipendi sono troppo bassi. Ma non solo in rapporto al costo della vita ma anche, anzi, a maggior ragione, in senso assoluto, specie se paragonati con quelli dei lavoratori dei Paesi dell'Eurozona. Il confronto è stato effettuato dall'Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione Europea, prendendo come riferimento gli stipendi dei lavoratori dipendenti di aziende con almeno 10 persone. Una scelta forse che ci penalizza più di altri Paesi in quanto, come abbiamo visto, in Italia il 95% delle aziende italiane ha meno di 10 dipendenti, tuttavia è questo il criterio adottato da diverso tempo.

Venendo agli stipendi, l'Eurostat ha calcolato che nell'anno di riferimento un lavoratore italiano ha guadagnato in media 23.406 euro lordi, vale a dire una delle retribuzioni più basse d'Europa. Su sedici Paesi considerati i lavoratori italiani si piazzano in 12esima posizione per quanto riguarda lo stipendio medio lordo annuo.

Infatti, i nostri stipendi sono superiori solamente a quelli dei lavoratori di Slovacchia (10.387 euro), Malta (16.158 euro), Slovenia (16.282 euro) e Portogallo (17.129 euro), non certo potenze industriali e in ogni caso Paesi dove il costo della vita e la tassazione non sono certo ai livelli italiani.
Lo stipendio italiano inoltre impallidisce rispetto ai 48.914 euro lordi dei lavoratori del Lussemburgo, ai 44.412 euro di quelli olandesi, ai 41.100 euro di quelli tedeschi, ai 39.858 euro degli irlandesi, ai 39.197 euro dei finlandesi, ai 33.574 euro dei francesi e ai 33.384 euro degli austriaci.
Persino Paesi come Grecia e Spagna che hanno grossi problemi sul fronte lavorativo e di bilancio (oggi come nel 2009) hanno stipendi superiori ai nostri e pari rispettivamente a 29.160 euro e 26.316 euro. Così come Cipro che ci precede in undicesima posizione con uno stipendio medio lordo annuo di 24.775 euro per lavoratore.
Ma se il 2009 è stato un anno un po' atipico perchè è stato quello peggiore della crisi (almeno fino ad oggi), l'Italia si dimostra ferma sul fronte retribuzioni già da diverso tempo. Infatti, dal 2005 al 2009 la crescita degli stipendi italiani è stata solo del 3,3%, praticamente poco più della metà che in Germania (+6,2%) e meno di un terzo della Francia (+10%). Il confronto con gli altri Paesi è ancora più allarmante visto che in Belgio gli stipendi nel periodo considerato sono cresciuti dell'11%, in Olanda del 14,7%, in Lussemburgo del 16,1%, in Portogallo del 22% e in Spagna addirittura del 29,4%.
UPDATE
Il Governo Italiano e l'Istituto Nazionale di Statistica hanno diramato una nota in cui dichiarano che gli stipendi Italiani sono in linea con la media UE e assolutamente non inferiori a quelli di Spagna e Grecia. Il motivo per cui l'indagine Eurostat ha invece mostrato questo quadro dipende dal fatto che per gli stipendi italiani sono stati utilizzati i dati del 2006 (come indicato in una nota della pubblicazione) e non quelli del 2009, rendendo di fatto i dati incomparabili. La nota dell'Istat è disponibile a questo indirizzo questo indirizzo.
 
InfoJobs - 468x60_IJIT_blue

RISORSE

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


CREDIT
Images_of_MoneyImages_of_Money by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed