Mercoledi, 17 Luglio 2019

Back ECONOMIA Categorie Lavoro INNOVAZIONE: TRA I PAESI EUROPEI L'ITALIA MOSTRA PERFORMANCE AL DI SOTTO DELLA MEDIA

INNOVAZIONE: TRA I PAESI EUROPEI L'ITALIA MOSTRA PERFORMANCE AL DI SOTTO DELLA MEDIA


ricercasviluppo0302.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

La Vecchia Europa fatica sempre di più a tenere il passo di Stati Uniti e Giappone nel campo dell'innovazione. A riferirlo è la Commissione Europea nella prima edizione dello Ius (Innovation Union Scoreboard), l'indagine che ha sostituito l'EIS (European Innovation Scoreboard) nella valutazione della situazione UE per quanto riguarda i temi dell'innovazione e della ricerca. L'indagine è nata con l'obiettivo di definire i punti di forza e di debolezza dei 27 Paesi Membri, al fine di pianificare una strategia che riesca a potenziare le eccellenze dell'innovazione entro il 2020.
Nel confronto internazionale, sebbene l'Europa abbia retto dignitosamente l'impatto della crisi, il rapporto registra un continuo avanzamento delle economie emergenti, soprattutto della Cina che sta pericolosamente raggiungendo i livelli Europei, mentre appaiono ancora indietro India, Russia e Brasile.
Uno degli elementi critici del sistema di innovazione europeo, segnala il rapporto, riguarda la debolezza nel generare ricavi da brevetti ad alto impatto, ovvero da quelli che garantiscono ritorni più consistenti per le imprese nei mercati. L'Europa, infatti, produce un numero di brevetti ad altro impatto, inferiore rispetto a Stati Uniti e Giappone ed inoltre si posizione in modo poco efficace in quei settori in cui la domanda mondiale è più forte.
Tra i Paesi Europei la palma d'oro per l'innovazione rimane alla Svezia, seguita da altri due Paesi Scandinavi, Danimarca e Finlandia e dalla Germania. Questi quattro Paesi compongono il primo gruppo, definito degli "innovatori leader". Seguono nel secondo gruppo di innovatori (Innovatori inseguitori) Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Slovenia e regno Unito. L'Italia resta inserita nel gruppo degli innovatori moderati, in terza fascia, ovvero tra quei Paesi che mostrano prestazioni inferiori alla media europea nella scala di innovazione per valori compresi tra il 10 e il 50%. Insieme all'Italia troviamo in questo gruppo la Croazia, la Repubblica Ceca, la Grecia, l'Ungheria, Malta, la Polonia, il Portogallo, la Slovacchia e la Spagna. Chiudono la graduatoria, i cosiddetti Paesi ritardatari, ovvero Bulgaria, Lettonia, Lituania e Romania.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Il nostro Paese pur non ricoprendo una posizione di prestigio (16° su 27) è riuscito a scalare tre posizioni della classifica, nell'ultimo anno, facendo registrare dei miglioramenti in alcuni indici fondamentali. Rimaniamo però ancora sotto la media per quanto riguarda la spesa pubblica investita in ricerca e sviluppo, l'attuazione dei brevetti e il venture capital.
Per stilare la classifica lo studio ha preso in considerazione 25 indicatori, suddivisi in tre categorie principali:
  • elementi abilitanti: gli elementi costitutivi di base che consentono l'innovazione (es: risorse umane, finanziamenti)

  • studio delle attività: indagano gli elementi che rendono competitive le imprese in Europa
  • uscite: indicatori che mostrano come l'innovazione si traduce in benefici per l'economia nel suo complesso 
[Via: Europa.eu ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:
 
CREDIT
mars_discovery_districtmars_discovery_district by flickr



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed