Giovedi, 21 Giugno 2018

Back ECONOMIA Categorie Lavoro La Disoccupazione Ordinaria con Benefici Ridotti: Che Cos'È, Quanto Spetta e Come Ottenerla

La Disoccupazione Ordinaria con Benefici Ridotti: Che Cos'È, Quanto Spetta e Come Ottenerla


disoprimotrime2010.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Dopo aver visto che cos'è la disoccupazione ordinaria, a chi spetta e come è possibile ottenerla, vogliamo oggi presentare un altro tipo di prestazione a sostegno del reddito: ovvero la disoccupazione ordinaria con benefici ridotti.
Si tratta di una forma di sostegno prevista per quei lavoratori che hanno svolto lavori brevi e/o discontinui e non riescono a raggiungere il requisito di contribuzione minimo richiesto di 52 contributi settimanali nell'arco degli ultimi due anni, per poter accedere alla disoccupazione ordinaria).
Questa prestazione ha lo scopo perciò di indennizzare i periodi di non occupazione occorsi al lavoratore nei nell’anno solare precedente la domanda.



REQUISITI PER L'ACCESSO
Per aver accesso alla disoccupazione ordinaria con benefici ridotti è l'aver lavorato (come dipendente) nell'anno precedente almeno 78 giornate comprese le festività e le giornate di assenza indennizzate, come ad esempio quelle per malattia, maternità etc etc. Sono, invece, escluse dal computo le assenze a titolo personale come scioperi, congedi non retribuiti ecc.
Inoltre i lavoratori devono risultare assicurati da almeno due anni, ovvero devono aver versato almeno un contributo settimanale entro il 31 dicembre dell'anno precedente al biennio in cui sono stati maturati i 78 giorni di lavoro . In possesso dei suddetti requisiti la disoccupazione ordinaria con benefici ridotti spetta, di regola, per un numero di giornate pari a quelle lavorate nell'anno precedente e per un massimo di 180 giornate.


QUANTO SPETTA
Dal 1° gennaio 2008, l'indennità di disoccupazione ordinaria con benefici ridotti è pari al al 35% della retribuzione media giornaliera  per i primi 120 giorni e al 40% per i successivi, fino a un massimo, come abbiamo visto di 180 giorni.
Il limite dell'importo massimo mensile è di 844,06 euro lordi che può essere elevato dino a 1.014,48 euro lordi per i lavoratori che possono far valere una retribuzione lorda mensile superiore a 1.826,07 euro.
L’indennità di disoccupazione ordinaria con benefici ridotti, come tutte le altre prestazioni in denaro pagate dall’Inps, è soggetta alla trattenuta Irpef alla fonte. Perciò a chi percepisce l’indennità, l’Inps rilascia una certificazione reddituale (modulo Cud).


PAGAMENTO E INCOMPATIBILITÀ
l'indennità di disoccupazione ordinaria con benefici ridotti viene pagata direttamente dall'Inps o con accredito su conto corrente bancario o postale o tramite bonifico domiciliato presso banca o ufficio postale, a scelta dell'interessato. L’indennità non viene corrisposta per il periodo in cui il disoccupato soggiorna in Paesi extracomunitari non regolati da convenzioni bilaterali.
L'indennità è incompatibile e quindi non viene pagata se il soggetto richiedente è titolare di pensioni dirette, assegno ordinario di invalidità , indennità giornaliera antitubercolare, indennità di malattia, indennità di maternità.




COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



LA DOMANDA
La domanda di indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti, a cui vanno allegati i documenti richiesti, può essere presentata alla sede INPS competente entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si si sono verificati i periodi di disoccupazione.
La domanda deve essere compilata sull’apposito modulo, accompagnata dalle dichiarazioni dei datori di lavoro nell’anno solare di riferimento e corredata dal modulo per le detrazioni ai fini dell’Irpef, compilato e firmato dall’interessato.


LAVORATORI EXTRACOMUNITARI
I lavoratori extracomunitari, in attesa del rilascio del primo permesso di soggiorno devono presentare, in sede di domanda, anche i seguenti documenti:

  • copia del modello di richiesta del permesso di soggiorno, rilasciata dallo Sportello Unico per l'immigrazione al momento dell'ingresso in Italia;
  • ricevuta dell’avvenuta presentazione della richiesta del permesso stesso, rilasciata dall’ufficio postale.

Se invece i lavoratori extracomunitari sono in attesa di rinnovo del permesso di soggiorno, devono presentare, in sede di domanda:

  • ricevuta dell'avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo, rilasciata dall'ufficio postale;
  • copia del permesso di soggiorno in scadenza o scaduto.
 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:
 

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed