Sabato, 18 Gennaio 2020

Back Lavoro L'Identikit Dei Nuovi Imprenditori: Giovani, Maschi, Diplomati e con Pochi Mezzi Propri

L'Identikit Dei Nuovi Imprenditori: Giovani, Maschi, Diplomati e con Pochi Mezzi Propri


nuovi imprenditori, giovani, impresa

Recentemente abbiamo visto come secondo uno studio della Camera di Commercio di Monza i nuovi imprenditori si accontentino di guadagnare 1500 euro al mese, oggi vogliamo analizzare più in dettaglio quale è l'identikit dei nuovi imprenditori italiani.
Il destro ce lo offre la consueta analisi di Unioncamere sull'imprenditoria in Italia, che prende spunto dall'apertura di imprese nell'anno appena concluso. Cominciamo col dire che nonostante la locomotiva del Paese sia il Nord, la maggioranza delle nuove imprese sono sorte nel Mezzogiorno. In concreto si registra una quota di nuove iniziative imprenditoriali al Sud e nelle Isole pari al 30,9% e davanti a Nord Ovest (28,6%), Centro (21%) e Nord Est (19,5%).
Nonostante la nascita di una nuova impresa sia spesso fonte di entusiasmo i nuovi imprenditori italiani sono cauti nell'ipotizzare il futuro e la crescita dimensionale del progetto.

Infatti, quasi nove imprese su dieci (l'88,7%) non prevedono la necessità di assumere personale aspettando prima di vedere quali sono i riscontri che il mercato darà alla nuove iniziativa imprenditoriale. Solo le imprese che nascono con più di 10 addetti (la minoranza) prevedono di aumentare il numero degli occupati.
Questa tendenza non è data solo dalla prudenza ma anche dalla “scarsità” delle risorse da investire. I nuovi imprenditori, infatti, fanno affidamento su mezzi propri in 8 casi su 10, appoggiandosi semmai a prestiti di parenti o amici o, in seconda battuta a prestiti bancari. D'altro canto l'investimento iniziale per dare avvio ad una nuova attività non supera i 10 mila euro nel 72,1% dei casi, quota che sale al 75,3% se l'impresa è aperta da giovani. Ovviamente vi sono imprese che “aprono” con un investimento iniziale più cospicuo, ma Unioncamere afferma che solo una nuova attività su cinque prevede un capitale iniziale compreso tra gli 11 e i 30 mila euro. Si tratta soprattutto di imprese attive nei servizi turistici, nel commercio e nei servizi alle persone.

Sul fronte degli imprenditori il 26% di coloro che aprono una nuova attività sono giovani under 30, mentre un ulteriore 19,1% di neo imprenditori si colloca nella fascia di età tra i 31 e i 35 anni. Insomma i giovani hanno contribuito a creare quasi la metà delle nuove imprese, mentre il restante 54,5% è da attribuire agli ultra 35 enni, che a differenza dei primi magari hanno meno spirito di iniziativa ma sicuramente un background di lavoro decisamente più ampio.
L'imprenditore un "lavoro da uomo". Sembra proprio questa la chiave di lettura dei dati forniti che vedono quasi tre quarti delle nuove imprese aperte da uomini, mentre  le donne risultano particolarmente attive nel settore dei servizi alle persone. Ricordiamo però che anche nell'agricoltura e nella pesca e nel settore degli agriturismi la presenza femminile è molto forte, con quasi un'impresa su tre guidata da una donna.
Sul fronte del titolo di studio il 48,9% dei neo imprenditori risulta diplomato, ma aumenta l'incidenza anche di chi ha solo la licenza media, con conseguente riduzione dei neo imprenditori con qualifica professionale e di quelli in possesso di titolo superiore (laurea, master etc).
Infine, UnioncamereUnioncamere, sottolinea che l'esperienza conta molto nell'apertura di una nuova impresa, tanto che il 55% dei nuovi imprenditori ha maturato esperienze lavorative pregresse, che hanno dato un forte contributo nella scelta di fare il grande salto e passare al di là della barricata.
 
InfoJobs - 468x60_IJIT_blue

RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

CREDIT
Victor1558Victor1558 by flickr
 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed