Venerdi, 6 Dicembre 2019

Back Lavoro Occupazione Femminile: Al Sud Lavora Meno di una Donna su Tre

Occupazione Femminile: Al Sud Lavora Meno di una Donna su Tre


occupazione femminile, donne, lavoro, Mezzogiorno

Tra il 2008 e il 2010 in Italia hanno perso il lavoro 532 mila persone, la maggior parte dei quali giovani e di cui oltre 100 mila donne. Un dato molto grave se si considera la scarsa partecipazione al mercato del lavoro delle donne, soprattutto di quelle giovani. Il Cnel ha riscontrato nel recente convegno “Stati generali sul lavoro delle donne in Italia” che il tasso di occupazione femminile in italia è del 46,1%, quota tra le più basse in Europa (peggio di noi fa solo Malta).
Lo Svimez ha cercato di approfondire il tema scattando una fotografia della condizione lavorativa delle donne al Sud, dalla quale emerge che il tasso di occupazione femminile nel Mezzogiorno scende addirittura al 30,4%, contro il 54,8% del Centro-Nord e il 58,2% del resto d'Europa. Un tasso di occupazione quello delle donne del Mezzogiorno inferiore di quasi 30 punti percentuali a quello previsto dal trattato di Lisbona.

Guardando al tasso di disoccupazione femminile si registra nel Mezzogiorno una percentuale del 15,4% contro il 6,9% del Centro-Nord. Ma, spiega lo SvimezSvimez, il dato ufficiale della disoccupazione femminile al Sud non tiene in considerazione quelle donne che non risultano né tra gli occupati né tra i disoccupati, ma che sono stimate in circa 560 mila . Un numero gigantesco che se conteggiato nel tasso di disoccupazione lo farebbe arrivare al 30,6%, il doppio di quello ufficiale (15,4%) per un totale di 953 mila donne escluse (o comunque fuori) dal mercato del lavoro.
A queste andrebbero aggiunte anche 575 mila donne del Sud che sono disponibili a lavorare ma non lo cercano, perchè scoraggiate, si tratta circa del 64,4% di tutte le donne scoraggiate in Italia (893 mila). Insomma quello che ne esce è un quadro allarmante, una vera e propria catastrofe sociale.

A complicare ulteriormente la situazione vi sono i dati relativi alle giovani donne under 34, per le quali si registra un tasso di occupazione del 23,3%, cioè lavora meno di una su quattro. Senza dimenticare il peso delle differenze retributive di genere che vede le donne in media guadagnare tra il 10 e il 18% in meno degli uomini, ma che trova nelle donne del Sud il proprio limite inferiore. Infatti se confrontiamo lo stipendio di una donna del Sud e quello di un uomo del centro-nord la forbice si allarga fino a superare il 30%. In valori assoluti, spiega lo Svimez, a fronte di uno stipendio di un uomo del Centro-Nord di 19.149 euro mensili, una donna del Sud guadagna una cifra nell'ordine dei 13.361 euro.
Il tutto condito da un grande paradosso perchè le donne meridionali sono generalmente più acculturate dei coetanei maschi del Sud, ma nonostante abbiano investito maggiori risorse nella formazione, risultano essere sottoutilizzate e finanche escluds dal mercato del lavoro.
Una situazione in parte favorita da una concezione della famiglia vecchio stampo, che stenta ad evolversi e che vede la donna come una casalinga che non deve lavorare, ma piuttosto occuparsi di figli ed anziani ed in parte dovuta anche alla mancanza di servizi per l’infanzia, che già di per sé scarsi, lo sono in misura maggiore nel Mezzogiorno.  
 
InfoJobs - 468x60_IJIT_blue
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed