Martedi, 12 Novembre 2019

Back ECONOMIA Categorie Lavoro OCCUPAZIONE FEMMINILE: IN ITALIA PIÙ DELLA METÀ DELLE DONNE NON LAVORA

OCCUPAZIONE FEMMINILE: IN ITALIA PIÙ DELLA METÀ DELLE DONNE NON LAVORA


occupafemmilocsegiovani.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Occupazione Femminile: in Italia più della Metà delle Donne non Lavorano | Disoccupazione Giovanile | Ocse |

Nei giorni scorsi l'Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) ha pubblicato i dati relativi al tasso di occupazione femminile e a quello giovanile. Magra figura per l'Italia che si conferma fanalino di coda per quanto riguarda l'occupazione femminile e mostra preoccupanti dati anche nel rapporto tra giovani e lavoro.
Nel 2009 in Italia il tasso di occupazione femminile si è attestato al 46,4%, ben lontano dal dato della Norvegia (74,4%), ma anche dalla media dei Paesi Ocse pari al 56,5%. Il dato del nostro Paese, ha mostrato dei miglioramenti negli ultimi dieci anni passando dal 38,3% al dato attuale, tuttavia, complice probabilmente anche la crisi economica, nell'ultimo anno ha perso quasi punto percentuale rispetto al 2008, quando il tasso di occupazione femminile era pari a 47,2%. Nella classifica generale, messa peggio dell'Italia è solo la Turchia, con un tasso di donne impiegate pari al 24%, ma anche con un organizzazione sociale e religiosa ben diversa dalla nostra. Dall'altra parte primeggiano, come abbiamo visto anche per quanto riguarda la classifica delle spese a sostegno della famiglia e della maternità, i Paesi scandinavi, Norvegia in Testa. Al secondo posto troviamo la Danimarca con il 73,1%, mentre chiude il podio la Svezia con il 70,2%.

Duro il commento della Cgil su questo punto: “non si può vincere una partita se la metà della squadra rimane in panchina.” Secondo la la Segretaria Confederale della CGIL, Serena Sorrentino, questi dati dimostrano come le politiche occupazionali del Governo mirate alla partecipazione femminile al mercato del lavoro siano siano inefficaci. L'organizzazione sindacale chiede che il Parlamento ponga al centro della discussione politiche attive per il lavoro che mirino a contrastare la disoccupazione femminile e che  rispondano alle esigenze delle lavoratrici madri. Da questo punto di vista ricordiamo come i servizi di conciliazione al lavoro per le donne in Italia siano piuttosto scarsi e che il Nostro Paese risulta essere agli ultimi posti in Europa per quanto riguarda l'indice di copertura degli asili nido. Solamente il 12.7% dei bambini è residenti risulta iscritto negli asili nido.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



GIOVANI E LAVORO
L'Ocse ha rilevato per l'Italia anche un problema per quanto riguarda l'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Nel nostro Paese il tasso di disoccupazione giovanile (fra 15 e 24 anni) in Italia è pari al 25%, contro il 16,4% della media europea. Anche in questo caso il dato del 2009 è peggiorato rispetto al 2008, quando la disoccupazione era pari al 21,3%, ma risulta comunque migliore rispetto al dato di dieci anni fa (31,1% nel 1999). Questa volta però l'Italia non è il primo Paese d'Europa a guidare la classifica dei peggiori, in quanto la Spagna e la Grecia mostrano un tasso di disoccupazione giovanile maggiore, pari rispettivamente al 37,9% e al 25,8%.
Molto positivo risulta ancora il dato norvegese, dove i ragazzi senza lavoro sono meno del 10% per cento (9,2%). In chiusura ricordiamo che l'Istat nel primo trimestre 2010 ha rilevato per l'Italia dati ancora peggiori in termini di disoccupazione giovanile, con un tasso medio pari al 28,8%, ma con una punta del 43,6% per le giovani donne del Mezzogiorno.

   


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente marisa bethmarisa
beth di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed