Domenica, 8 Dicembre 2019

Back ECONOMIA Categorie Lavoro SOLIDITÀ DELLE AZIENDE ITALIANE: LE VARIABILI PIÙ INFLUENTI E IL PROFILO DELL’IMPRESA PIÙ AFFIDABILE

SOLIDITÀ DELLE AZIENDE ITALIANE: LE VARIABILI PIÙ INFLUENTI E IL PROFILO DELL’IMPRESA PIÙ AFFIDABILE


bresciaoggiimprendi.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Cerved Group, società operante nel settore business information, ha realizzato una ricerca relativa alla solidità delle aziende italiane, in cui sono stati evidenziati anche i fattori più influenti sulla solidità delle imprese e di conseguenza anche il profilo-tipo dell’azienda più affidabile.
La ricerca è stata condotta sulla quasi totalità delle società di capitali italiane, di conseguenza i risultati sono altamente rappresentativi del tessuto imprenditoriale nazionale, grazie ad un campione composto da più di un milione di imprese.
Secondo Cerved Group il profilo dell’azienda “ideale”, ovvero dell’impresa con il minor rischio di insolvenza, è quello di una società con un alto numero di amministratori (8 o anche più), sul mercato da almeno 20 anni, situata nel Nord-Est Italia ed operante in settori quali la produzione di macchine agricole, industriali o per ufficio.
La numerosità del management è la variabile più influente circa la solidità dell’azienda, seguita dall’età dell’impresa, dall’area geografica, dalla classe dimensionale, dalle certificazioni ISO conseguite e dal macrosettore d’appartenenza. Al di sotto del 5% risulta invece la percentuale di influenza di variabili quali l’iscrizione a sezioni artigiane, la presenza di donne nel management o nella presidenza, la forma giuridica e la variazione di sede.
Come detto, il maggior numero di amministratori in azienda è inversamente proporzionale alla possibilità di insolvenze da parte dell’impresa stessa: con un numero di manager tra 1 e 2, infatti, il rischio di insolvenza è pari a 7,7%, percentuale che tende a diminuire all’aumentare degli amministratori fino a raggiungere il 3,1% nelle imprese con 8 o più amministratori.

 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Quanto alle differenze per area geografica, il rischio di insolvenza è più alto per le imprese di Sud ed Isole, con una percentuale dell’8,3%, seguono le aziende del Centro la percentuale con il 6,4%, quelle del Nord Ovest con il 5,5% e quelle del Nord Est con il 5,1%.
Anche l’età dell’azienda ha un’influenza determinate per quanto riguarda la solidità economico finanziaria dell'impresa: nel primo anno di nascita, il rischio di insolvenza è piuttosto alto (6,2%), e tende a crescere negli anni immediatamente successivi, fino al picco di 4-5 anni (9%). In seguito, l’affidabilità dell’azienda si consolida, toccando una percentuale di insolvenza del 4,5% dopo 16-20 anni e del 3,3% oltre i 36 anni.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed