Domenica, 21 Ottobre 2018

Back Libri e Cultura Calano i Lettori di Libri e gli Editori

Calano i Lettori di Libri e gli Editori


lettori di libri, editoria

Calano i lettori di libri in Italia e il numero di editori, ma crescono le opere pubblicate e le tirature. Sono questi alcuni dei punti chiave dell'ultima indagine statistica dell'Istat sulla produzione e lettura di libri. Per quanto riguarda la lettura la quota di persone di almeno sei anni che nel tempo libero legge libri è diminuita dal 46,8% del 2010 al 45,3% dello scorso anno. Un calo trasversale che ha riguardato sia uomini che donne e tutte le diverse categorie sociali. A livello geografico si riscontra invece una certa stabilità nel numero di lettori al Nord, mentre diminuisce nel Mezzogiorno e nelle regioni del Centro. 
I giovani leggono di più, infatti la quota più alta di lettori si riscontra tra la popolazione di 11-17 anni (60,5%) con un picco tra gli 11 e i 14 anni (62%).  

Già dai 25 anni la quota di lettori scende intorno al 50% per poi diminuire proporzionalmente al crescere dell'età e toccando il valore più basso (22,7%) tra la popolazione di 75 anni e più.
Le differenze di genere sono significative, infatti le donne lettrici sono il 51,6% contro il 38,5% dei lettori. Sono inoltre presenti in tutte le età specialmente nella fascia 15-17 anni, dove la quota di lettrici supera il 73% mentre quella di lettori si attesta al 44,5%.

Titolo di studio e condizione professionale influenzano fortemente i livelli di lettura. In riferimento al primo si va da un massimo dell'81% tra i laureati ad un minimo del 27,9% tra chi ha la licenza elementare o nessun titolo di studio. Sul fronte professionale si registrano livelli di lettura superiore tra dirigenti, imprenditori e liberi professionisti (69%), direttivi, quadri e impiegati (66,3%) e studenti (65,3%), mentre i più bassi livelli di lettura si evidenziano tra operai (32%), ritirati dal lavoro (33,6%) e un po' a sorpresa tra le casalinghe (34,4%).
Il commercio online sta crescendo anche in Italia e coinvolge da vicino anche i libri. Infatti più di 1,9 milioni di persone, quasi un terzo di quelli che effettuano acquisti online (il 27,8%), ha comprato libri, giornali, riviste o ebook su internet.


EDITORIA: CALANO GLI EDITORI E SI PUNTA SULL'ONLINE
Nel 2010, l'Istat ha censito 2.700 case editrici, ma rispetto all'anno precedente il numero di nuovi editori è stato inferiore a quello di coloro che hanno cessato l'attività. Meno editori ma decisamente più attivi visto che nel 2010 il numero di libri pubblicati è cresciuto del 10,8% (da 57.558 a 63.800) e le tirature sono cresciute del 2,5%, da 208 a 213 milioni di copie. Come abbiamo avuto modo di sottolineare recentemente l'editoria low cost è in grande spolvero, infatti le edizioni il cui costo è inferiore ai 10 euro sono, sia per titoli (26,2%) che per tirature (40%), le pubblicazioni più consistenti.
 

 

RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed