Mercoledi, 26 Settembre 2018

Back ECONOMIA Categorie Libri e Cultura

Libri

Tablet e Smartphone: l’Informazione Digitale Alle Soglie Della Rivoluzione

tablet, informazione, giornalismo Non è la prima volta che il mondo dell’informazione è scosso da cambiamenti clamorosi, che hanno cambiato per sempre il modo di fare notizie e di leggerle. La differenza più lampante tra le ‘rivoluzioni’ del passato e quelle di oggi è che, nel presente, tutto è più veloce e in repentino mutamento, mentre nei secoli scorsi una fase durava molto di più.
L’ultima delle rivoluzioni in ordine di tempo è iniziata non più tardi di quindici anni fa. Internet, infatti, ha cambiato per sempre il modo di fare giornalismo. Ha imposto a chi fa il mestiere, o semplicemente redige e diffonde notizie, un ritmo più frenetico, l’aderenza totale al flusso informativo. In parole povere, l’informazione quasi in tempo reale.
La rivoluzione che è alle porte, invece, ha un carattere squisitamente più tecnico. Principio e motore di questa rivoluzione sono i dispositivo mobili che hanno fuso, nel corso degli anni, il concetto di cellulare con il concetto di computer: tablet e smartphone.

Add a comment

I Contribuiti All’Editoria Salgono a 120 Milioni

contributi  editoria, quotidiani, giornaliIl Governo Monti aveva promesso anni di lacrime e sangue – o meglio, come amano chiamarli, di ‘sacrifici’ – anche per l’editoria. Nella celebre manovra Salva-Italia, infatti, è insita una norma che prevede la cessazione dei contributi all’editoria a partire dal 2014 e una forte riduzione a partire dal 2012 stesso. Riduzione che, a conti fatti, aveva fatto scendere i contributi per l’anno in corso fino a 47 milioni.
Voci lamentose si sono levate fin da quando il provvedimento è uscito dalle stanze del Governo. Molti hanno invocato un ripristino totale dei contributi, in nome del pluralismo dell’informazione. Senza denaro dallo Stato, molte testate rischierebbero di chiudere e tra queste ci sarebbero anche nomi importanti della storia della stampa italiana, o che danno voce alle minoranze. Il caso del Manifesto, sull’orlo della chiusura, può dare tutt’ora l’idea della situazione (ma potremmo citare anche La Padania, i cui conti non sono particolarmente positivi ndr)

Add a comment

Pirateria: Paulo Coelho Invita a Piratare i Suoi Libri

paulo coelho, pirateria, libriNegli ultimi tempi si parla molto di lotta alla pirateria, soprattutto in seguito alla proposta di legge americana (SOPA, Stop Online Piracy Act ) e alla chiusura di Megavideo. Si condanna il download illegale invocando il sacrosanto diritto alla proprietà intellettuale. Ma se a difendere la condivisione gratuita dell’arte fossero proprio scrittori, musicisti e artisti in genere?
A dire la sua sul suo blog è stato Paolo Coelho , scrittore di fama internazionale che nella sua carriera ha venduto oltre 130 milioni di copie. Una sua provocazione sul suo blog personale ha fatto velocemente il giro del web "Pirati del mondo, unitevi e piratate tutto quello che ho scritto!".
Un invito che ha suscitato curiosità ma anche polemiche e che sicuramente rappresenta una presa di posizione inusuale per uno scrittore.  

Add a comment

Franzen, lo Scrittore Che Odia gli E-Book

libri, e-book, e-book readerUno scrittore ha l’obbligo di capire prima degli altri le cose. Di digerirle, di trattarle e di consegnarle al pubblico in forma finalmente chiara, comprensibile. Avrà pensato questo Jonathan FranzenJonathan Franzen, saggista americano, quando ha lanciato il suo monito contro gli e-book, gli e-reader e, in ultima istanza, contro la deriva verso la smaterializzazione che sta ‘infettando la realtà’.
Penso che per i lettori – quelli veri – il senso di permanenza sia parte integrante dell’esperienza della lettura. Tutto nella nostra vita è fluido ma ecco… Il libro è lì, e il suo testo non cambia”.
Questo ragionamento è il culmine di un’invettiva che Franzen sta portando avanti contro l’industria degli e-book. Secondo lo scrittore sono strumenti da ‘pescecani capitalisti’ e distruggeranno il concetto stesso di lettura. Il poter passare facilmente da un testo all’altro, senza poterlo scorrere fisicamente tra le dita, trasformerà la lettura in una pratica consumistica, da esperienza intellettuale che è sempre stata.

Add a comment

Relatori Pubblici, i Professionisti Dietro le Quinte Del Giornalismo

Giornalisti, relatori, mediaLa professione del giornalista non è mai stata facile e non lo è tuttora. E non solo per gli stipendi malpagati o per le ingerenze della politica. Da qualche lustro a questa parte, il giornalismo sta facendo i conti con un sostanziale mutamento della società, indirizzata verso un dinamismo e una fluidità che rende la realtà più complessa di quanto lo sia mai stata. Questi aspetti sono esacerbati dalle possibilità che offrono le nuove tecnologie. Il giornalista è sottoposto a un flusso di eventi e di notizie praticamente ininterrotto, nel quale è difficile districarsi. In che modo la professione del giornalista viene influenzata da questi cambiamenti?

Add a comment
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed