Lunedi, 16 Dicembre 2019

Back TECNOLOGIA Categorie News Google: Presto una Nuova Piattaforma per Consultare Alcune News a Pagamento

Google: Presto una Nuova Piattaforma per Consultare Alcune News a Pagamento


google, news, editoria

Il sistema di diffusione gratuita ed immediata di News per eccellenza, ovvero il motore di ricerca Google, sarebbe in procinto di riservare ai navigatori delle importanti novità. Google avrebbe infatti stabilito che entro la fine dell’anno la SERP del motore stesso (ovvero la schermata con tutti i risultati che compare a seguito di una ricerca) proponga agli utenti non solo dei contenuti gratuiti, ma anche delle notizie consultabili esclusivamente a pagamento, opportunamente contrassegnate da un simbolo identificativo ancora da stabilire.
Questa nuova concezione di informazione deriva da un accordo tra il motore di ricerca ed il mondo dell’editoria tradizionale, che anche per via dell’efficienza del web e soprattutto della gratuita fruizione dei suoi contenuti ha subito un drastico calo dei profitti. 

Con questo nuovo sistema, le aziende editoriali potrebbero utilizzare il sistema di ricerca largamente più adoperato mantenendo comunque i propri interessi di business. Ricordiamo che Google recentemente ha dovuto comunicare la percentuale di guadagni pubblicitari del circuito adsense riservata agli editori (68%) dopo le denunce della Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG) all' Antitrust, in merito al funzionamento poco trasparente dell'algoritmo di Google News.

L'’inserimento delle notizie a pagamento da parte degli editori all’interno delle indicizzazioni di Google avverrebbe grazie all’utilizzo di una nuova piattaforma informaticaNewpass, il cui utilizzo diverrebbe così fondamentale per la quotidiana attività editoriale, ed i consumatori potrebbero procedere al pagamento delle notizie di interesse semplicemente attraverso carta di credito e probabilmente Google Checkout (il sistema di pagamenti online di Google).
Resta da stabilire, ovviamente, quello che sarà il prezzo della News da consultare; considerando che un buon quotidiano costa poco meno di 2 euro, c’è da immaginare che la singola notizia sul web sia proposta al cliente a prezzi veramente molto bassi. E' possibile ipotizzare qualche centesimo ad articolo oppure un abbonamento di qualche euro per un tot di articoli.
Per citare un dato, recentemente ilSole24ore Online ha attivato da qualche tempo un limite di lettura gratuita di venti articoli al mese, oltre i quali viene richiesto l'acquisto di un account Pro. Il costo è di 9 euro al mese per l'account pro e di 16,90 per la versione Pro finanza che contiene anche funzionalità di tenuta portafoglio. Per cui considerando un costo di 9 euro mensili per un numero di notizie (breaking news) pari a circa 30-40 giornaliere (vado a spanne) più accesso a 120 documenti dell'archivio storico, si capisce come il costo di una singola news, dovrà essere veramente infinitesimale. Soprattutto se Google si riserverà, come è presumibile una fetta di guadagni.
Sono tante, ovviamente, le perplessità da parte dei navigatori, che vedono così improvvisamente minacciata la libera diffusione di notizie all’interno del web e soprattutto la loro gratuita consultazione.
Non manca, tuttavia, chi crede che un simile progetto possa rivelarsi di difficile realizzazione; in effetti, internet è per eccellenza l’arena della libera pubblicazione di contenuti attraverso molteplici strumenti: social networking, blog, article marketing e strumenti di giornalismo partecipativo, per tale ragione è difficile immaginare che una News a pagamento non possa essere in breve tempo rielaborata e diffusa attraverso altri canali all’interno della rete. 

RISORSE:

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente mfophotosmfophotos di flickr per l'immagine

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed