Martedi, 19 Novembre 2019

Back Politica e Società I Costi Della Politica Pesano Per 152 Euro A Testa, Con Un Taglio Di Un Terzo Via Un Punto Di Irpef

I Costi Della Politica Pesano Per 152 Euro A Testa, Con Un Taglio Di Un Terzo Via Un Punto Di Irpef


politica costi, spesa pubblica

Nei giorni delle manovre finanziarie estive abbiamo visto che i tagli ai costi della politica avrebbero di fatto comportato un risparmio intorno al 5 per mille anche se, visti i ritocchi finali questa misura è da ritenersi  fin troppo ottimistica di quanto verrà effettivamente tagliato.
Tutti pensano sia giusto e vogliono tagliare i costi della politica (politici in primisi) , tuttavia quanto dalle parole si passa ai fatti, si fa fatica a capire anche a quanto ammontano questi costi e quanto sia possibile effettivamente risparmiare. A provare a mettere un po' d'ordine tra queste cifre ci ha provato l'Ufficio studi di Confommercio che in un'elaborazioneelaborazione ha stimato i costi monetari misurabili della rappresentanza politica, (riferiti al 2009) superiori ai 9,1 miliardi di euro l'anno lordi.

Ora considerando che in Italia ci sono quasi 25 milioni di famiglie e 60 milioni di abitanti, ne deriva che i costi della rappresentanza politica valgono circa 367 euro per nucleo familiare, cioè 152 euro a testa. Per cui, prosegue l'indagine, considerando un'aspettativa di vita media di 80 anni sia per le donne che per gli uomini, e un'indicizzazione dei costi della politica pari al tasso di inflazione, a sua volta equiparato al tasso in interesse nominale, al momento della nascita ogni cittadino dovrebbe considerare un debito vitale per costi della rappresentanza politica poco superiore a 12 mila euro.

E sia chiaro, spiega Confcommercio, questo costo va considerato come un costo base, cioè riferito alla predisposizione degli strumenti per prendere decisioni per la collettività, senza entrare nel merito della quantità o della qualità di tali decisioni.
Confcommercio ricorda che questi costi non hanno nulla a che vedere con i costi della burocrazia che pure ammorbano gli stessi cittadini e le imprese. In concreto quasi il 77% dei costi monetari sono costituiti dalle spese di funzionamento delle strutture di supporto alle assemblee legislative nazionali e locali.
All'interno di queste le spese corrispondenti alla remunerazione dei dipendenti pubblici che operano in funzione di staff (spese indirette) valgono poco meno del 47% dei costi monetari totali. I costi diretti, ovvero il totale delle indennità di funzione e di carica corrisposte ai politici pesano per oltre il 19% del totale, mentre l'insieme dei costi gestionali (acquisti di beni e servizi) copre il 30,1% dei costi.
Data la situazione che fare?
Secondo Confcommercio la scarsa efficienza dell'apparato pubblico unito all'eccessivo livello di spesa pubblica, rendono indispensabile agire su questi campi per ridurre la pressione fiscale su famiglie e imprese , che con il taglio delle agevolazioni potrebbe arrivare al 44.8% del Pil. Parlando di contenimento dei costi della rappresentanza politica, l'indagine stima che applicando ai circa 154 mila rappresentanti politici dei vari organi collegiali e nazionali, l'ipotesi da più parti caldeggiata di una riduzione di poco più di un terzo del numero di parlamentari porterebbe ad un risparmio di 3,3 miliardi di euro l'anno. Una cifra sufficiente per attuare una riduzione permanente di circa 8 decimi di punto della prima aliquota Irpef a beneficio di oltre 30 mila contribuenti, o in alternativa ad ottenere una somma di 2900 euro annui da destinare alle famiglie in condizioni di povertà assoluta. Entrambe le scelte spiega Confcommercio Rappresenterebbero La Grande Ed Efficace Operazione Di Redistribuzione Della Ricchezza Mai Effettuata Nel Nostro Paese. Questo In Un Paese Dove, Lo Ricordiamo il 10% Delle Famiglie Detiene Il 45% Della ricchezza prodotta.

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


RISORSE:

InfoJobs - 468x60_IJIT_blue

 

CREDIT
GueоrguiGueоrgui by flickr
 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Assicurazioni

assicurazioni

Energia

energia

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed