Venerdi, 13 Dicembre 2019

Back ECONOMIA Categorie Politica e Società IN EUROPA 80 MILIONI DI PERSONE VIVONO IN POVERTÀ, PIANO UE PER FARNE USCIRE IL 25% ENTRO IL 2020

IN EUROPA 80 MILIONI DI PERSONE VIVONO IN POVERTÀ, PIANO UE PER FARNE USCIRE IL 25% ENTRO IL 2020


povertaue1712.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

La crisi economica ha aggravato la situazione della povertà in Italia ed in Europa, per questa ragione l'UE si è posta l'obiettivo di far uscire dalla condizione di indigenza 20 milioni di persone entro il 2020. In Italia, secondo il rapporto sulla povertà e l’esclusione sociale realizzato da Caritas Italiana e Fondazione Zancan, vi sono 8,37 milioni di poveri, mentre nell'Unione Europea sono oltre 80 milioni le persone che vivono sotto la soglia di povertà (dato 2008 UE). Un dato molto grave soprattutto perchè il 25% di questo esercito di poveri è rappresentato da bambini. La crisi del lavoro ha colpito soprattutto i giovani, le persone meno qualificate e i migranti che hanno visto le proprie di vita. Nello specifico un giovane su cinque è senza lavoro (come confermato recentemente anche dall'Ocse), i migranti hanno un tasso di disoccupazione maggiore dell'11% rispetto ai cittadini UE, mentre il personale non qualificato subisce la disoccupazione il doppio del personale qualificato. A tal proposito la Commissione Europea ha lanciato nei giorni scorsi un piano decennale di formazione professionale moderna che fornisca maggiori competenze ai cittadini. I “poveri che lavorano” risultano , secondo i dati diffusi dall'Ue, pari all'8% della forza lavoro (2008), mentre il rischio di povertà è aumentato per i disoccupati dal 39% del 2005 al 44% odierno. In più, circa l'8% degli Europei vive in condizioni di indigenza tali da non poter disporre di alcune condizioni essenziali per vivere una vita decente, come ad esempio il riscaldamento invernale o il telefono.
Una situazione ritenuta inaccettabile dall'Unione Europea che ha tra i propri obiettivi quelli di combattere l'esclusione sociale e di promuovere una giustizia sociale, fondata su valori come il rispetto per la dignità umana e la solidarietà.
Per questa ragione l'UE ha messo in agenda un piano che migliori la situazione, partendo da azioni che ripristino la crescita economica e aumentino la richiesta di lavoro. Entro il 2020, infatti, la Commissione Europea vuole raggiungere un tasso di occupazione per le donne e gli uomini di età compresa tra i 20 e i 64 anni del 75% e si propone di ridurre il tasso di abbandono scolastico sotto il 10%.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



La Commissione ha, inoltre, proposto la creazione di una Piattaforma Europea contro la Povertà e l'Esclusione Sociale che aiuti a creare un impegno comune tra i Paesi Membri, le istituzioni europee e i soggetti economici chiave.
La lotta alla povertà, infatti, non deve essere di sola competenza dei singoli stati membri, ma deve essere affrontata anche a livello comunitario per non rischiare che i tagli di bilancio imposti dalla situazione economica, rischino di peggiorare la situazione. A tal proposito la Commissione ha sottolineato che sarà necessario aumentare l'efficienza della spesa pubblica, tagliando gli sprechi. In più politiche e strategie comuni possono aiutare a rendere più efficaci le singole politiche nazionali in ambiti quali ad esempio la povertà infantile o quella dei senza dimora. Lo scopo della piattaforma sarà anche quello di creare uno scambio di opinioni ed esperienze tra i singoli Paesi, permettendo così di perfezionare le politiche sulla povertà e di renderle più efficaci. Nei prossimi due anni verranno adottate una serie di iniziative per il coordinamento per il coordinamento della politica del volontariato, lo scambio di informazioni, la riforma legislativa e il finanziamento di progetti. Verranno inoltre predisposti interventi specifici in favore delle categorie più a rischio, come i giovani, i disabili e le minoranze come i rom.
  [Via: Unione EuropeaUnione Europea ]


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Assicurazioni

assicurazioni

Energia

energia

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed