Domenica, 15 Dicembre 2019

Back ECONOMIA Categorie Politica e Società La Crisi ci ha Fatto Perdere 164 Miliardi di Euro di PIL, Sulle Stime Del 2008. Il 60% Perso al Nord

La Crisi ci ha Fatto Perdere 164 Miliardi di Euro di PIL, Sulle Stime Del 2008. Il 60% Perso al Nord


eurobruciati2605.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Secondo il recente rapporto economico Ocse dedicato all'Italia, il Pil italiano tornerà ai livelli pre crisi sono nel 2014. Ma quali sono le regioni che durante la crisi hanno perso di più? Ha fatto questo calcolo l'ufficio studi della Cgia di Mestre confrontando l'entità del valore del Pil del 2010 con le previsioni ante crisi. Vediamo che quadro ne è uscito.
In termini generali la perdita di valore aggiunto nel 2010 rispetto alle previsioni fatte prima della crisi (luglio 2008) è stata di 164.393 milioni di euro, pari in valore percentuale al -10,8%. A livello geografico la perdita di pil maggiore (sempre rispetto alle previsioni) si è avuta nel Nord ovest con -57,4 miliardi di euro (pari al -11,5%), segue il Nord-Est con -39,9 miliardi di euro (-11,3%), il Mezzogiorno con -37,2 miliardi di euro (-10,4%) e il Centro con -29,7 miliardi di euro (-8.8%). Passando alle regioni, le tre che hanno mostrato una perdita maggiore di Pil in valore assoluto sono state la Lombardia (-40 miliardi di euro), seguita dal Veneto (-18,4 miliardi di euro) e dal Lazio (-15,3 miliardi di euro). Mentre se si analizzano i valori percentuali le tre regioni che hanno perso di più sono state la Puglia e il Veneto (entrambe con -12,3%), seguite dalla Lombardia con -12,2%. Male in termini percentuali anche Friuli Venezia Giulia (-12,1%) Sardegna e Umbria (entrambe a -11,5%) e Campania (-11,1%).

Le regioni che meno hanno fatto registrare una perdita minore di valore aggiunto in termini assoluti sono state la Valle d'Aosta e il Molise con rispettivamente -350 e –450 milioni di euro, seguite dalla Basilicata con una perdita di un miliardo di euro e dal Trentino Alto Adige con 2,2 miliardi di pil in meno.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



In termini percentuali è proprio il Trentino ad aver subito la perdita minore con, facendo registrare una diminuzione del Pil del 7%, segue il Molise con -7,5% e toscana e Marche entrambe con una diminuzione di valore aggiunto dell'8,3%.
Nel commentare i dati il direttore dell’Ufficio Studi della Cgia Giuseppe Bortolussi, ha sottolineato come sia indubbio che la crisi abbia colpito soprattutto le Regioni dove risulta più diffuso il comparto manifatturiero. Rispetto agli altri, infatti, -ha proseguito Bortolussi, : “il settore metalmeccanico, quello del tessile/abbigliamento, quello delle calzature e del legno hanno risentito della concorrenza internazionale dei paesi emergenti e della profonda trasformazione tecnologica che queste realtà produttive sono state costrette ad affrontare”.

[Via: CgiaCgia ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT

lesumlesum by flickr



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Assicurazioni

assicurazioni

Energia

energia

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed