Domenica, 24 Giugno 2018

Back ECONOMIA Categorie Trasporto Pubblico Parte Tra Servizi e Ricorsi L'avventura di Arenaways, la Prima Società Ferroviaria Italiana Privata

Parte Tra Servizi e Ricorsi L'avventura di Arenaways, la Prima Società Ferroviaria Italiana Privata


arenaways, treni, antitrust, liberalizzazione

Sono attivi da pochi giorni, in Italia, i viaggi ferroviari offerti da compagnie private concorrenti di Trenitalia, in virtù della liberalizzazione ferroviaria già recepita nel nostro paese da diversi anni ma che solo da questo mese ha visto nascere le prime offerte per i viaggiatori.
Ricordiamo in proposito che proprio a causa delle scarse misure per la liberalizzazione del mercato ferroviario messe in atto, l'Italia è stata deferita dalla Commissione Europea riunita in Corte di giustizia.
L’azienda che per prima si è proposta come alternativa a Trenitalia è Arenaways, una società di Alessandria nata nel 2006 e che ha attivato in questo mese i primi viaggi tra Milano e Torino al conveniente prezzo di 17 euro, tariffa unica, senza fermate intermedie.

Viaggiando sui treni Arenaways è possibile usufruire di una serie di servizi decisamente nuovi, che Trenitalia non ha ad oggi mai offerto: anzitutto il viaggiatore può acquistare il biglietto una volta a bordo del treno, o tramite gli appositi strumenti self-service oppure dagli assistenti di bordo (senza sovrapprezzo), senza dover necessariamente provvedere prima della partenza. Si tratta di una novità non da poco, alla luce delle disponibilità di tempo sempre più ridotte di viaggiatori e pendolari.
Inoltre, presso le carrozze dei treni Arenaways è possibile fare la spesa ed acquistare prodotti alimentari di ogni genere presso la “bottega di bordo” e lo snack bar, servizi sempre aperti durante il viaggio. Interessante è la possibilità di scegliere i prodotti e ritirare la spesa al ritorno in stazione, così come il servizio di lavanderia che permette di lasciare i vestiti e di ritirarli dopo qualche giorno puliti e stirati.

In più tutte le carrozze sono connesse ad internet attraverso un sistema Wi-Fi e sono inoltre attivi i servizi di lucida scarpe, fasciatoi ed adeguate strutture per i bambini. Sono presenti anche servizi per cellophanare gli ombrelli durante i giorni di pioggia ed infine è possibile anche acquistare tutti i principali quotidiani. 
A differenza di Trenitalia, inoltre, tutte le carrozze sono dotate di sistemi di videosorveglianza ed antincendio, oltre che di almeno un addetto alla sicurezza su ogni treno. Sono state previste anche delle strutture ideate per i diversamente abili, per facilitarne l’accesso a bordo e per consentir loro un viaggio confortevole e privo di disagi.
Come detto, per ora i servizi di Arenaways possono essere provati esclusivamente da chi viaggia da Milano a Torino o viceversa, si attende tuttavia che la nuova azienda possa ampliare la propria offerta con nuove corse.
L’auspicio per i consumatori è che la liberalizzazione ferroviaria possa finalmente garantire dei servizi di migliore qualità, a prescindere dall’azienda erogatrice.
Per la cronaca il primo treno di Arenaways è arrivato a Milano con dieci minuti di anticipo.

 
LO STRANO CASO DELLE FERMATE INTERMEDIE
La Scelta di una tratta unica Torino Milano non risponde ad una particolare scelta strategica di Arenaways ma il risultato di un provvedimento dell'Ufficio per la Regolazione dei Servizi Ferroviari ( Ursf) del Ministero dell'Interno, che su invito del gestore pubblico Trenitalia, ha limitato il nuovo servizio alle sole fermate di Torino e Milano. Arenaways dal canto suo non è rimasta a guardare e ha fatto ricorso contro la decisione dell’Ursf ed ha effettuato una denuncia alla Commissione Europea e all'Antitrust.Anche il Codacons si è mosso depositando un esposto presso l'Autorità per la concorrenza ed il mercato e denunciando possibili comportamenti anticoncorrenziali a danno di Arenaways e, quindi, degli utenti italiani. 
Per l'associazione il provvedimento che impedisce di effettuare fermate intermedie, compromette in modo pesante la libera concorrenza nel settore ferroviario e, trattandosi di una linea pensata proprio per i pendolari lombardi e piemontesi, danneggia irrimediabilmente gli utenti, impedendo loro di utilizzare il nuovo servizio. 

 

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed