Lunedi, 18 Giugno 2018

Back TECNOLOGIA Categorie Applicativi MINORI ED INTERNET: DALLA UE IL MOTORE DI RICERCA DEI SOFTWARE PER IL CONTROLLO SULLA NAVIGAZIONE

MINORI ED INTERNET: DALLA UE IL MOTORE DI RICERCA DEI SOFTWARE PER IL CONTROLLO SULLA NAVIGAZIONE


ueparentaldv1501.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Il rapporto tra Internet ed i minori è sempre stato considerato come potenzialmente rischioso, dal momento che sul web non è possibile controllare, se non parzialmente, l’accesso a determinati tipi di contenuti.
Anche in questo caso è responsabilità dei genitori controllare le pagine web visitate dai propri figli e proteggerli da eventuali rischi, tuttavia assai spesso nelle famiglie europee è presente un autentico “gap informatico” tra la generazione degli adulti ed i più giovani, i quali hanno in genere una conoscenza del PC ben superiore, e di conseguenza diventa difficile monitorarne le attività online.
Per sensibilizzare la cittadinanza a questa questione e per offrire degli strumenti validi per facilitare il controllo delle navigazioni dei più piccoli, la Commissione Europea ha attivato un’apposita campagna per rendere il web un luogo, se pur virtuale, più sicuro.
Alla base delle iniziative messe in atto, vi sono delle ricerche presentate dalla stessa Commissione Europea, che evidenziano come il controllo degli adulti sulle navigazioni dei figli minorenni sia ancora piuttosto insufficiente. Secondo l’indagine EUKidsOnline, infatti, appena il 28% dei genitori delle famiglie europee si occupa di bloccare o filtrare determinati siti web, mentre solo il 24% tiene traccia dei siti web visitati dai figli.
Il 70% degli intervistati, inoltre, ha dichiarato di discutere con i figli delle attività da loro svolte in rete, il 58% ha affermato di essere vicino ai propri figli durante le loro navigazioni ed il 56% ha suggerito ai figli in che modo comportarsi con gli altri online.
Un’altra ricerca, invece, ha avuto come oggetto gli strumenti ideati appunto per filtrare i contenuti e rendere più sicure le navigazioni dei minori. In generale i programmi in questione si sono rivelati efficaci, ma almeno il 20% dei contenuti ritenuti pericolosi per i bambini rimane di fatto accessibile. Oltre a questo, bisogna considerare che questi strumenti sono in genere ancora poco conosciuti, disponibili spesso solo in lingua inglese ed ovviamente difficilmente utilizzabili dai genitori con scarsa dimestichezza del PC.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Per aiutare i genitori europei in queste attività spesso non semplici, la Commissione Europea ha messo a disposizione uno strumento per la ricerca dei più efficaci programmi informatici di controllo delle navigazioni, sulla base del supporto utilizzato (PC o Mobile), del sistema operativo (Windows, Linux, o MAC) dell’età dei minori (fino a 10 anni e da undici anni in poi) e della lingua parlata (italiano compreso). Il motore di ricerca, disponibile a questo indirizzoquesto
indirizzo, restituisce i risultati a partire dalle indicazioni inseriti e ordinati secondo il punteggio migliore. Le istruzioni per il funzionamento del motore di ricerca sono in inglese, così come i pdf che illustrano i vari programmi e i risultati ottenuti dal test comparativo, tuttavia possono offrire comunque un ottimo supporto anche a chi non conosce perfettamente la lingua.
La stessa Commissione, inoltre, ha annunciato che continuerà a finanziare l’analisi dei programmi di controllo parentale ogni 6 mesi, fino alla fine del 2012.

  [Via: Unione EuropeaUnione Europea ]


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed