Venerdi, 6 Dicembre 2019

Back CREDITO Categorie Assicurazioni AL VIA NUOVE REGOLE PER LA PROMOZIONE E LA VENDITA DI ASSICURAZIONI VIA INTERNET E TELEFONO

AL VIA NUOVE REGOLE PER LA PROMOZIONE E LA VENDITA DI ASSICURAZIONI VIA INTERNET E TELEFONO


isvapcallcenterpoli1510.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Al Via Nuove Regole per la Promozione e la Vendita di Assicurazioni Via Internet e Telefono | Tutela Consumatori | Call Center |
Il 15 di luglio è entrato in vigore il regolamento n 34 dell'ISVAP che disciplina l'attività di promozione e collocamento  di contratti di assicurazione via internet e via telefono. Le nuove norme hanno l'obiettivo di tutelare maggiormente i consumatori nell'acquisto delle polizze di assicurazione, proteggendoli dal rischio di stipulare contratti con operatori abusivi e garantendo maggiore trasparenza nelle fase di trattativa commerciale.
Il regolamento prevede che il divieto di collocare contratti di assicurazione automatici (art 6), in assenza del preventivo consenso esplicito da parte del consumatore contraente, come nel caso di polizze automaticamente incluse in prodotti e servizi di altro tipo. Come ad esempio per i biglietti aerei o i pacchetti turistici acquistati via internet o via telefono, dove il consumatore può non immaginare la presenza di polizze correlate. Da adesso in poi il contraente dovrà essere obbligatoriamente informato e dovrà fornire il proprio consenso esplicito. Questo fatto non modificherà le tipologie di tutti i contratti che prevedono polizze accessorie obbligatorie, ma farà in modo che i consumatori ne siano a conoscenza. Per quanto riguarda le polizze accessorie, invece, le imprese saranno obbligate a separarle dal “pacchetto principale”, di modo che se il consumatore le desidera sia lui stesso a sceglierle.
In nuovo regolamento (Art 5) impedisce poi alle imprese l'utilizzo di filtri telefonici o informatici per ostacolare le trattative in funzione della residenza del cliente o di altri fattori di discriminazione. Questa pratica risulta molto diffusa soprattutto nel settore RC auto ed in particolare per i consumatori del Meridione che venivano dunque discriminati.   La ragione di questa pratica va ricercata nelle difficoltà strutturali del settore rc auto, soprattutto in territori ad elevata criminalità e dove il numero di truffe assicurative è assai alto. Per maggiori informazioni consigliamo di leggere la relazione annuale dell'Ania sul settore RC Auto.
Sempre a proposito di call center il nuovo regolamento mira ad accrescere la qualità e il servizio offerto dagli operatori (art 7). Le imprese e gli intermediari sono tenuti ad assumersi piena responsabilità per l'operato degli addetti dei call center e devono individuare un responsabile del coordinamento a cui i consumatori possono rivolgersi. Questa disposizione dovrebbe mettere fine alla pratica delle telefonate scortesi che spesso capita di ricevere. Anche se quando verrà attivato l'elenco pubblico delle opposizioni i consumatori potranno decidere se ricevere o meno le telefonate promozionali delle varie imprese (non solo assicurative).



COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI


Tornando invece ai call center legati alle imprese assicurative , le nuove disposizioni, impongono che gli operatori debbano possedere adeguate competenze professionali e seguire corsi di aggiornamento annuali di 30 ore.
Una volta concluso il contratto l'impresa deve obbligatoriamente inviare, in forma cartacea o telematica (a scelta del cliente), il contratto da firmare, che che potrà essere restituito firmato dal cliente via mail oppure via fax o via posta (art 10).
Per il settore Rc Auto l'isvap ha previsto che, entro 5 giorni dal pagamento del premio, dovranno pervenire all'assicurato il contrassegno e il certificato assicurativo. In questo tempo tecnico il consumatore potrà circolare con la quietanza di pagamento del premio, con la dichiarazione rilasciata dall’impresa attestante il pagamento o con la ricevuta del bollettino di conto corrente postale. L'articolo 11 del regolamento prevede che il consumatore possa firmare il contratto anche tramite la firma digitale, in abbinamento alla posta elettronica certificata

[Via:Isvap.it ]


RISORSE:

 

 


CREDIT
Si Ringrazia l'utente alanclarkdesignalanclarkdesign di flickr per l'immagine




blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Edilizia

edilizia

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed