Venerdi, 22 Giugno 2018

Back ECONOMIA Categorie Consumatori UE: MAGGIORI DIRITTI PER CHI RICEVE CURE SANITARIE IN STATI MEMBRI DIVERSI DAL PROPRIO

UE: MAGGIORI DIRITTI PER CHI RICEVE CURE SANITARIE IN STATI MEMBRI DIVERSI DAL PROPRIO


medicipaziente2101.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Nuove tutele per i cittadini europei che usufruiscono di cure sanitarie in paesi dell’Unione Europea diversi dal proprio. Il Parlamento Europeo ha infatti approvato una nuova normativa che prevede per tutti i cittadini europei la possibilità di curarsi anche in altre nazioni europee in maniera più agevole, potendo esercitare anche il diritto di rimborso.
La nuova legge prevede per i cittadini dell’Unione Europea il rimborso dell’assistenza medica che ricevono in un altro Stato membro, a condizione che per i costi della cure mediche in questione sia prevista la copertura nel proprio paese di appartenenza.
L’Unione Europea ha però previsto che le autorità possano pretendere che i pazienti richiedano una “autorizzazione preventiva” per tutte le cure che necessitino di ricovero ospedaliero o di cure sanitarie specializzate. Ogni rifiuto alla suddetta autorizzazione dovrà essere giustificato e sarà valido solo in un ristretto caso di motivi.
Tutti i paesi membri, secondo la nuova normativa, dovranno inoltre creare degli adeguati punti di contatto per fornire al cittadino tutte le informazioni relative alla possibilità di curarsi all’estero e anche per affiancare il paziente nel caso in cui dovessero sorgere dei problemi. Sono state inoltre previste delle priorità a favore dei cittadini da tempo inseriti in lunghe liste d’attesa, di quelli che faticano a trovare le cure specialistiche di cui hanno bisogno per la cura della propria patologia e dei pazienti affetti da malattie rare.
Ad oggi, la pratica delle cure all’estero è molto contenuta: appena l’1% dei bilanci sanitari degli stati membri viene impiegato in cure mediche transfrontaliere.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Su questo ha certamente influito una normativa piuttosto carente in materia, che grazie a questo nuovo provvedimento dovrebbe finalmente essere colmata. Il deputato relatore francese Francoise Grossetete ha infatti sottolineato come, grazie a questa normativa, i cittadini “non saranno più lasciati soli”, ed i diritti saranno tutelati in maniera più chiara e vincolante per gli stati membri.
I deputati europei hanno approvato questo nuovo testo, e sono in attesa dell’approvazione formale da parte del Consiglio con il quale è stato tuttavia già raggiunto un accordo. Una volta realizzata la formalizzazione della nuova legge, gli stati membri avranno 30 mesi di tempo per adeguare le legislazioni interne.
Per chi volesse sapere che percentuale della spesa pubblica nazionale gli stati membri investono nella sanità, segnaliamo questo articolo di approfondimento.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

 

CREDIT
Seattle Municipal ArchivesSeattle
Municipal Archives by flickr



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed