Venerdi, 16 Novembre 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO


risparmioefiscale.gif

Agenzia delle Entrate ha pubblicato una nuova guida, della serie : “L'Agenzia Informa “, relativa alle agevolazioni Fiscali disponibili per chi risparmia energia. Il Risparmio Energetico è un'esigenza fondamentale del vivere civile, soprattutto in virtù della situazione energetica globale e delle difficoltà strutturali del sistema energetico italiano. Per questo motivo, a partire dall'anno 2007. sono state introdotte delle agevolazioni fiscali sul risparmio energetico relative ai lavori di miglioramento dell''efficienza energetica degli edifici già esistenti. Le agevolazioni consistono nella possibilità di portare in detrazione dall'imposta sul reddito delle persone fisiche (irpef) o dall'imposta sul reddito delle società (Ires) il 55% delle spese sostenute per migliorare l'efficienza energetica dell'edificio. La normativa prevede un tetto massimo detraibile che varia da 30mila a 100mila euro a seconda del tipo di intervento effettuato.

Collegamenti Sponsorizzati

Gli interventi per i quali è prevista la detrazione per le spese sostenute ( e documentate) sono essenzialmente di quattro tipi:

  • interventi di miglioramento termico dell’edificio (sostituzione di finestre, interventi su pareti, coperture, pavimenti)
  • interventi di sostituzione dei vecchi impianti di climatizzazione invernale
  • interventi di installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda
  • interventi di qualsiasi tipo atti alla riduzione del fabbisogno energetico dell’edificio.

Non danno diritto alla detrazione fiscale gli interventi di installazione di pannelli solari per la produzione di energia elettrica (Conto Energia), come chiarito dalla stessa Agenzia delle Entrate in un recente comunicato. La procedura per avere diritto alle agevolazioni fiscali prevede che per le spese sostenute nel 2008 (anche se relative ad interventi iniziati in precedenza), la trasmissione della documentazione, ammessa solo in via telematica presso il portale predisposto dall'Enea, vada effettuata entro 90 dall'ultimazione dei lavori. E', tuttavia, ammesso il mezzo postale per l'invio della documentazione qualora gli schemi preposti dall'Enea non siano in grado di accogliere con adeguata descrizione i lavori svolti. La detrazione fiscale può essere ripartita in più quote annuali di pari importo non inferiore a tre e non superiore a dieci, questo indipendentemente dal tipo di intervento effettuato. Tuttavia va tenuto conto, per il calcolo del limite massimo di detrazione, delle detrazioni di cui si è già fruito nei periodi di imposta precedenti. Tutte le indicazioni contenute nei provvedimenti della finanziaria 2007 e 2008, compresi i decreti attuativi emanati, sono spiegati ed illustrati chiaramente nella guida “Le agevolazioni fiscali per il risparmio energeticoLe agevolazioni fiscali per il risparmio energetico”, dove trovano spazio anche i nuovi schemi della documentazione da acquisire per il riconoscimento del beneficio fiscale e le tabelle aggiornate dei valori energetici richiesti. La guida oltre che sul sito dell'Agenzia delle Entrate sarà resa disponibile in formato cartaceo negli uffici della Agenzia fino ad esaurimento scorte.

[UPDATE] l'Agenzia delle Entrate ha rilasciato un aggiornamento della guida, disponibile a questo indirizzo , con tutte le novità della normativa.

 

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed