Lunedi, 18 Novembre 2019

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News CHIUDI IL RUBINETTO: SEMPLICI CONSIGLI PER RISPARMIARE ACQUA E DENARO NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI

CHIUDI IL RUBINETTO: SEMPLICI CONSIGLI PER RISPARMIARE ACQUA E DENARO NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI


chiudiilrubinetto010.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Chiudi il Rubinetto: Piccoli Consigli per Risparmiare Acqua e Denaro nella Vita di Tutti i Giorni | Impronta idrica | Igiene Orale |

A qualcuno di voi è mai passato per la mente di comprare tre casse d'acqua minerale al supermercato e di rovesciarle nel lavandino senza berle? Se la risposta è no, sappiate che il 36% degli italiani spreca ogni giorno 30 litri di acqua (ok, non minerale ma potabile) con il solo gesto di lavarsi i denti lasciando il rubinetto aperto mentre utilizza lo spazzolino (5 litri al minuto per due minuti). Un piccolo gesto che, ipotizzando tre lavaggi giornalieri dei denti, porta ad un consumo annuo stimato in Italia di 292,5 miliardi di litri d’acqua solo per questa semplice, quanto importante abitudine di igiene orale. Per avere un'impressione di questo volume d'acqua, immagine la quantità di acqua che può contenere il Colosseo e moltiplicatela per 265 volte. Ma non è tutto! Lasciare il rubinetto aperto mentre ci si lava la faccia e le mani porta d un consumo di altri 5 litri al minuto, così come radersi lasciando l'acqua aperta ne comporta ben 25 litri (5 litri al minuto per 5 minuti). E ancora, un semplice rubinetto che perde una goccia al secondo, può portare facendo i calcoli ad un consumo (spreco) di acqua di 4800 litri annui. Questi dati insieme al consiglio di utilizzare un riduttore di flusso che può far risparmiare fino al 50% sul consumo d'acqua fanno parte delle indicazioni della nuova campagna “chiudi il rubinetto”. Questa iniziativa è lanciata da Aquafresh e si concretizza in un invito a ragionare sui piccoli gesti quotidiani che possono contribuire a ridurre l'impatto idrico.
La nota azienda di dentifrici ha iniziato un percorso di analisi sul costo idrico degli oggetti, ovvero sulla quantità di acqua dolce impiegata per la loro realizzazione e per il loro consumo. Tutti gli oggetti hanno un costo idrico, identificato anche con il termine di “acqua virtuale” o “water footprint” (impronta idrica). Così un gesto semplice come bere una tazzina di caffè da 125 ml, secondo questo tipo di analisi, significa bere una quantità di acqua virtuale pari a 140 litri. Nello specifico questo dato emerge considerando tutta l'acqua impiegata, ad esempio, per crescere la pianta di caffè, trasformare i chicchi, trasportare il prodotto etc etc. Seguendo lo stesso ragionamento una maglietta di cotone porta con se 2.000 litri d’acqua virtuale, un paio di jeans 10850 litri, mentre un kg di carne di manzo necessita addirittura di 15.500 litri. 24Mila litri di acqua se ne “vanno” per un kg di cioccolato.
Ovviamente Aquafresh ha provveduto a fare i calcoli anche per i propri prodotti, come il dentifricio Aquafresh Tripla Protezione da 75ml. L'analisi ha considerato tutta la catena di produzione del prodotto e anche la fase di utilizzo del dentifricio da parte dei consumatori finali. Bene secondo gli studi effettuati quasi il 99% dell'intera impronta idrica si concentra nel solo utilizzo del dentifricio, ovvero 281 litri per singolo tubetto. Di qui l'importanza di modificare le proprie abitudini di utilizzo del dentifricio per diminuire l'impronta idrica del prodotto e il consumo complessivo di acqua. Dal canto suo Aquafresh oltre a lanciare la campagna “chiudi il rubinetto” ha attivato una procedura di razionalizzazione dell’uso dell’acqua nei processi di produzione.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



L'iniziativa prevede un sito web dedicatosito
web dedicato, in cui trovare utili consigli, oltre a quelli già qui espressi per razionalizzare ulteriormente l'utilizzo dell'acqua in casa. Ad esempio preferire la doccia al bagno, può comportare un risparmio di 50 litri di acqua, oppure consigli su come utilizzare sistemi di scarico a risparmio idrico per il water. Di questo argomento ci eravamo già occupati in passato, proponendo alcune soluzioni da non sottovalutare. Pensate che scarico del bagno convoglia il 20% dei consumi domestici d’acqua, con una media di 10 litri per utilizzo, mentre un WC che gocciola può sprecare tra i 135 e i 2.250 litri di acqua al giorno. Sul sito è possibile aderire all'iniziativa, come abbiamo fatto noi, scaricando il kit adesione che comprende il logo dell'iniziativa (nella foto dell'articolo) e il piccolo vademecum sui consigli per risparmiare acqua in bagno,senza rinunciare all'igiene personale. Su chiudilrubinetto.it presente un contatore che misura le adesioni in base al numero di litri d'acqua risparmiati, ogni persona che aderisce, chiudendo il rubinetto contribuisce a ridurre 4 litri di acqua ogni volta che si lavi i denti!
Al momento della stesura dell'articolo i litri risparmiati sono 5980
    CondividiCondividi

 


RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed