Sabato, 18 Gennaio 2020

Back ECONOMIA Categorie Fisco e Tasse DEFICIT SANITÀ: SCATTANO LE ADDIZIONALI REGIONALI IRAP E IRPEF PER CAMPANIA, MOLISE,LAZIO E CALABRIA

DEFICIT SANITÀ: SCATTANO LE ADDIZIONALI REGIONALI IRAP E IRPEF PER CAMPANIA, MOLISE,LAZIO E CALABRIA


regionisanitairapef.jpg
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Deficit Sanità: Scattano le Addizionali Regionali Irap e Irpef per Campania, Molise, Lazio e Calabria | Contribuenti | Manovra Economica |

Niente grazia per le quattro regioni che hanno presentato i conti della sanità in profondo rosso. Lazio, Campania, Calabria e Molise nonostante le trattative col Ministero dell'Economia degli ultimi giorni dovranno pagare addizionali regionali oltre la soglia massima dello 0,15% per l'Irap e dello 0,30% per l'Irpef, per cercare di ripianare di circa un terzo il deficit della sanità. Secondo quanto comunicato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, l'Irap scatterà da novembre , mentre le addizionali Irpef appariranno delle buste paga dei contribuenti da gennaio 2011. Queste misure, introdotte nella recente manovra economica e previste dal “patto per la salute” (legge 191/2009, articolo 2, comma 86) permetteranno di recuperare secondo le stime 629 milioni di euro degli 1,82 miliardi di euro di debito sulla sanità contratto nelle quattro regioni nel 2009. Il Lazio dovrebbe incassare complessivamente 359 milioni, il Molise 12 milioni, la Campania 197 milioni e la Calabria 61 milioni. Purtroppo le cattive notizie per i contribuenti delle quattro regioni non finiscono qui. Alle maggiorazioni fiscali, infatti, dovranno seguire altre misure per alleggerire il disavanzo sulla sanità, quali aumento dei ticket sulle prestazioni e riduzione dei servizi. Ovviamente i governatori o meglio i commissari straordinari dovranno agire anche sul piano dell'efficienza dei servizi tagliando gli sprechi ed elevando la qualità, una battaglia che però si preannuncia molto lunga e difficile


APPROFONDIMENTO SULLE ADDIZIONALI
L'Agenzia delle Entrate ha comunicato che per quanto riguarda l'Irap, la maggiorazione andrà ad influire sull'acconto da versare entro il mese di novembre 2010.
Nello specifico:

  • Adottando il metodo storico: occorrerà assumere quale imposta del periodo precedente, quella che si sarebbe determinata applicando l'aliquota maggiorata dello 0,15%

  • Adottando il metodo previsionale: occorrerà considerare come imposta di riferimento, quella determinata applicando al volume della produzione l'aliquota maggiorata dello 0,15%



COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI


Sia che sia usato l'uno o l'altro metodo per calcolare l'acconto dovuto su base annuale, l'Agenzia ricorda che dall'importo dovrà essere sottratto quanto versato in occasione del primo acconto, sul quale la maggiorazione non era ancora in vigore
Per quanto riguarda l'Irpef, l'aumento della quota, come abbiamo detto farà sentire il suo peso solo a partire dal 2011. Tuttavia per i contribuenti dipendenti che cessano il rapporto di lavoro nel 2010, verrà applicata in sede di conguaglio l'aliquota maggiorata pari al 1,70% per il 2010, mentre quella “classica”, pari all'1,40% verrà applicata per le residue rate dell'addizionale regionale 2009.

[Via: Fisco Oggi  Fisco Oggi ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
 
RISORSE:


CREDIT
Si ringrazia l'utente Funky64 (Funky64
(www.lucarossato.comwww.lucarossato.com)) di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Investimenti

investimenti

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed