Venerdi, 13 Dicembre 2019

Back ECONOMIA Categorie Lavoro IN CRESCITA LE ASSUNZIONI NELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE, SI CERCANO SOPRATTUTTO OPERAI SPECIALIZZATI

IN CRESCITA LE ASSUNZIONI NELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE, SI CERCANO SOPRATTUTTO OPERAI SPECIALIZZATI


worker1602.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Secondo un’indagine svolta da Unioncamere e dal Ministero del Lavoro, sarebbero in crescita le assunzioni nelle piccole e medie imprese nel primo trimestre del 2011.
Rispetto al quarto trimestre del 2010 le assunzioni nelle PMI, ovvero nelle aziende con meno di 250 dipendenti, sono sensibilmente cresciute: mentre nell’ultimo trimestre dello scorso anno queste ammontavano a 71.000, nel trimestre in corso la previsione ammonta a 99.000 nuovi lavoratori introdotti in azienda.
Permangono le disparità territoriali, dal momento che oltre la metà di queste nuove offerte lavorative, precisamente il 54%, si concentra nelle regioni del Nord. Su 98.900 nuove assunzioni previste, infatti, 28.100 riguardano le regioni del Nord Ovest, 25.100 le regioni del Nord Est, 19.500 quelle del Centro e soltanto 26.200 per un’area di territorio molto vasta che comprende Sud ed Isole.
Quanto ai differenti settori operativi, delle nuove assunzioni ben 45.000 riguarderanno l’industria e le costruzioni, 16.000 il commercio e 37.800 gli altri servizi. Nel settore industria e costruzioni, 20.800 posti saranno riservati all’industria in senso stretto, e 24.200 alle costruzioni.
Nell’ambito dell’industria, il settore produttivo che prevede il maggiore inserimento di lavoratori è quello delle industrie siderurgiche e dei prodotti in metallo, con 5.600 nuove assunzioni. Per quanto riguarda i servizi, invece, il settore per il quale è previsto il maggior numero di assunzioni è quello inerente a credito, servizi ambientali, noleggio, immobiliare e vigilanza, con 9.800 nuove assunzioni di cui 3.300 nel settore credito, assicurazioni e servizi finanziari.
La distinzione per classi dimensionali, inoltre, evidenzia come la maggioranza delle assunzioni avverrà nelle piccole imprese: le aziende con un numero di dipendenti da 1 a 49 prevedono per il trimestre in corso 74.400 assunzioni, mentre le aziende da 50 a 249 dipendenti ne prevedono 24.500.

 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Unioncamere ha previsto una crescita delle opportunità per quanto riguarda i lavoratori in possesso di diploma o di laurea, dal momento che il 53,2% delle nuove assunzioni sarà riservato a queste categorie di cittadini. Precisamente l’8,4% delle nuove assunzioni riguarderà i laureati ed il 44,8% i diplomati.
Importanti opportunità anche per i cittadini immigrati: oltre un quinto delle assunzioni previste, infatti, riguarda proprio gli stranieri, i quali troverebbero principalmente impiego nel settore delle costruzioni (in cui l’ammontare di lavoratori stranieri potrebbe così toccare quota 25% sul totale), nelle attività legate al turismo, alla ristorazione ed all’assistenza socio-sanitaria.
Delle 99.000 nuove assunzioni, il 42,5% prevede la sottoscrizione di contratti a tempo indeterminato, il 39,6% riguarderà i contratti a termine ed il 10,4% i lavoratori stagionali. Tra i profili più ricercati si segnalano soprattutto gli operai specializzati, per i quali sono previste 26.100 nuove assunzioni.

[Via: UnioncamereUnioncamere ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:
CREDIT
AMANITOAMANITO by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed