Mercoledi, 17 Luglio 2019

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Riflessioni Inquinamento da Ozono: Record Negativo per l'Italia

Inquinamento da Ozono: Record Negativo per l'Italia


smog, qualità dell'aria, ozono, inquinamento

L'ozono è un elemento inquinante molto pericoloso, perchè anche in piccole concentrazioni può portare problemi di irritazione alle vie respiratorie e altre problematiche più gravi. Come abbiamo visto è l'estate il periodo dell'anno più pericoloso per gli effetti dell'ozono, in quanto il gas in presenza di un forte irraggiamento solare e alte temperature può trascinarsi al suolo e diffondersi anche a grande distanza. Ed è proprio il periodo tardo primaverile – estivo appena trascorso che è stato oggetto dell'analisi del rapporto “ Air Pollution by Ozone across EuropeAir Pollution by Ozone across Europe” dell'European Environement Agency. Il rapporto evidenzia che il nostro Paese è uno di quelli messi peggio per quanto riguarda l'inquinamento da ozono. Infatti, se le soglie di rischio sono state superate in 16 Paesi membri e in 4 non facenti parte dell'Ue, in Italia su 343 stazioni monitorate, il 43% (149) ha registrato un numero di sforamenti di ozono superiore alla soglia.

Si tratta di 81 giorni con valori massimi su 6 mesi di monitoraggio. Considerando i giorni in cui si è osservato almeno un superamento dei valori limite, l'Italia svetta con 182 superamenti  mentre hanno superato i 150 giorni, oltre al nostro Paese, anche la Spagna (177 giorni) e la Grecia (168 giorni). Il numero massimo di giorni di superamento è stato osservato nella stazione di Fontichiari, nel Lazio.

In Tre stazioni di monitoraggio si è raggiunto invece il valore record di 300 μg/m³ (decisamente pericoloso per la salute): In Bulgaria con 512 μg/m³ (valore incredibile) il 9 giugno nella stazione di AMS Rakovsky-Dimitrovgrad, in Spagna nella stazione Campo de Fútbol, Puertollano con 301 μg/m³, il 2 luglio, e in Italia nella stazione di via Battisti in Lombardia m con 300 μg/m³ , il 28 giugno. Ma a soffrire per quanto riguarda il nostro Paese non è solamente la Lombardia, ma in special modo tutta la Pianura Padana dove viene spesso superato il limite di 240 μg/m³. Limite che secondo il rapporto è stato superato solamente in altri 5 Paesi: Bulgaria, Francia, Spagna, Grecia e Portogallo.
Il dato 2011, per quanto riguarda l'Italia è stato veramente grigio, per non dire nero. Infatti nella scorsa estate ben l'85,6% del territorio nazionale ha superato i 25 giorni di sforamento, contro il 47,8% del 2010 e il 49% del 2009.
Dati drammatici che impongono alle amministrazioni pubbliche misure concrete per la salvaguardia della qualità dell'aria e della salute dei cittadini. L'Ozono, infatti, oltre a danneggiare l'agricoltura e a rappresentare una minaccia per l'ambiente è pericoloso per l'uomo. Oltre alle patologie respiratorie cui accennavamo in apertura l'ozono è responsabile (o corresponsabile) anche di malattie più gravi, potenzialmente mortali.
 
Attivati subito

RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


CREDIT
keepwaddling1keepwaddling1 by flickr
 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed